Home | Economia | Ricerca e innovazione | Con PietraNet nasce il pavimento a noleggio per grandi eventi

Con PietraNet nasce il pavimento a noleggio per grandi eventi

L’azienda ha sviluppato un nuovo sistema di pavimentazione drenante che consente il recupero e la reinstallazione

image

>
Le rivoluzioni meglio riuscite cominciano dal basso. Nel caso di PietraNet, addirittura dal pavimento. L’azienda, insediata in Progetto Manifattura, l’hub della green economy di Trentino Sviluppo a Rovereto, ha infatti lanciato un innovativo progetto per aumentare la sostenibilità di grandi eventi e manifestazioni temporanee.
Si tratta di un sistema di pavimentazione per esterni pedonale e carrabile realizzata in ghiaia stabilizzata con l’eco-tecnologia GravelNet®. Il Sistema PAVIgravel® può essere posato, utilizzato e poi disinstallato e riposizionato da un’altra parte. In questo modo si passa dall’offrire un prodotto monouso, che a fine evento dovrebbe essere smaltito, ad un servizio molto più ecologico. La nuova pavimentazione debutterà sabato 23 aprile alla fiera Euroflora di Genova. Pietranet è stata infatti incaricata di posare, utilizzando questo innovativo materiale ricavato da pietre dell’entroterra ligure e piemontese, oltre 3mila metri quadrati di sentieri, vialetti e piazzole nei Parchi e Musei di Nervi, sede della prestigiosa kermesse floreale.


 
PietraNet, azienda trentina delle pavimentazioni drenanti in ghiaia, ha ideato un nuovo manto riutilizzabile che può essere posato, usato e poi disinstallato e rimontato altrove. L’idea si addice in particolare anche ad eventi, mostre e fiere che richiedono di attrezzare spazi molto grandi per periodi di tempo limitati.
L’inusuale installazione del «pavimento a noleggio» è avvenuta proprio nell’ambito di Euroflora 2022, una delle più grandi manifestazioni floreali europee, in programma ai Parchi e Musei di Nervi di Genova da sabato 23 aprile a domenica 8 maggio. Per l’occasione, Pietranetwork® ha installato 3 mila metri quadrati di viabilità interna, sentieri, vialetti e piazzole dalle forme tondeggianti e ricercate, realizzati con pietre dell’entroterra ligure e piemontese, proprio come prevede il protocollo per l’economia circolare di cui si è dotata l’azienda.
 

 
«Il nostro approccio alla sostenibilità – spiega Paolo Zoni, cofondatore di PietraNet – si basa su tre principi cardine. Per prima cosa, per realizzare le nostre pavimentazioni recuperiamo i frammenti più piccoli delle pietre, trasformando quindi il materiale residuo da precedenti lavorazioni in una materia prima secondaria. Sempre nell’ambito del riciclo, poi, alcuni nostri sistemi di pavimentazione sono completamente riutilizzabili, si possono quindi posare, disinstallare e riposare. La posa di questo tipo di pavimentazione avviene con tecnica a secco senza utilizzare l’acqua. Così facendo passiamo dall’offrire un prodotto al proporre un servizio, aumentando esponenzialmente la vita utile del bene e riducendo la quantità di rifiuti prodotta nell’ambito delle grandi manifestazioni temporanee. Il terzo punto a cui teniamo è infine quello del km zero. Per questo motivo, i nostri pavimenti sono realizzati con le pietre tipiche del luogo dove ci viene commissionato il lavoro, per evitare di inquinare trasportando rimorchi carichi di materiale da un lato all’altro dell’Italia. Si può affermare che i nostri sistemi garantiscono più acqua ed aria pulita!».
 

 
Una strategia, questa, che ha permesso a Pietranet di crescere: nata negli spazi di coworking di Progetto Manifattura si sta ora trasferendo in un ufficio proprio, sempre all’interno dell’hub. «Entro fine 2022 – continua Zoni – sono previste nuove assunzioni. Le figure di nostro interesse sono nell’ambito del marketing e dell’ingegneria ambientale per potenziare la ricerca e sviluppo».
Tra questi, l’apertura a inizio estate di un campo prove a Romagnano in collaborazione con la cooperativa Il Gabbiano per permettere ad architetti e paesaggisti di individuare le pietre e le combinazioni più adatte alle loro esigenze e l’implementazione, tramite un nuovo brevetto, di una pavimentazione specifica antitrauma.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande