Home | Economia | Ricerca e innovazione | «L’efficacia della pubblicità tramite le connected TV»

«L’efficacia della pubblicità tramite le connected TV»

L’esperienza di Giovanni Pio Gravina in un settore sempre più in espansione

Stiamo assistendo alla crescita dello streaming di contenuti televisivi, che, secondo ciò che ha riferito il CEO di Publicom Giovanni Pio Gravina, influenza in maniera determinante il mondo della pubblicità.
Negli ultimi anni stiamo assistendo a un aumento delle connessioni della TV ad internet.
Già c’erano i segni degli anni passati che facevano pensare ad un incremento sostanziale, tanto che a partire dal 2019 nel nostro Paese il 29,1% delle famiglie ha cominciato ad usufruire delle connessioni fra TV e internet.
Si calcola che il tempo medio passato davanti alle connected TV sia di circa 6 ore ogni giorno.
 
 L’esperienza di Giovanni Pio Gravina  
Giovanni Pio Gravina, CEO di Publicom, si è laureato in Ingegneria delle Telecomunicazioni nel 2010 al Politecnico di Milano.
Il percorso professionale di Gravina è iniziato con il lavoro per Vodafone Global in Capgemini, quando si occupava della gestione della piattaforma relativa al servizio MMS degli operatori del Vodafone Global Hosting Center.
L’inizio di Publicom come web agency orientata all’ambito delle tecnologie è avvenuto nel 2012, anno di fondazione dell’agenzia, che nel corso del tempo si è avvicinata sempre di più agli ambiti della pubblicità e dell’advertising.
 
Nel corso del tempo l’esperienza di studio di Gravina si è arricchita con nuovi percorsi formativi. Ad esempio nel 2016 ha seguito dei corsi di perfezionamento allo IAB UK di Londra e ha conseguito delle certificazioni Google in diversi settori di riferimento.
Negli anni successivi, in particolare nel 2017, il CEO di Publicom ha consolidato le partnership con diverse società, come Relive Communication, un’agenzia creativa di Cagliari, e ITSimplycom, altra società che mette a punto dei progetti ad elevato valore tecnologico.
Nel 2018 Giovanni Pio Gravina è eletto nel consiglio direttivo del gruppo giovani di Confcommercio a Milano.
 
Publicom propone un’offerta che si contraddistingue per mettere a disposizione un approccio data driven marketing, che si basa sulla comprensione del business delle aziende, oltre che su varie competenze di media planning e di marketing.
Attualmente Gravina coordina un team di 20 collaboratori che operano in vari Paesi in tutto il mondo.
L’agenzia si occupa di siti internet, pubblicità, siti e-commerce, siti corporate, grafica creativa, web marketing, social media marketing. Inoltre opera in vari ambiti, come display ADV, performance ADV, monitoring & reporting, direct email marketing.
 
 In che cosa consiste la forza della pubblicità sulle connected TV  
La pubblicità erogata tramite le connected TV ha una forza di cui è possibile individuare tutti i vantaggi. Infatti riesce a raggiungere con una certa efficacia gli utenti che non possono essere oggetto di campagne pubblicitarie come quelle che vengono tradizionalmente messe in atto attraverso la TV lineare.
La pubblicità erogata tramite le connected TV riesce ad essere più efficace e a garantire dei risultati più significativi perché è più coinvolgente, come è tipico di tutte le esperienze in streaming, anche con l’opportunità di usufruire di contenuti su schermi più grandi.
 
Per questo, secondo Giovanni Pio Gravina, l’ambiente delle connected TV è assolutamente da valorizzare, perché garantisce la possibilità di ottenere risultati ottimi nel raggiungimento di obiettivi qualitativi e quantitativi.
È possibile infatti, attraverso questo nuovo tipo di advertising, mettere in atto delle strategie di targeting molto importanti, che si rivelano sempre molto controllate e puntuali.
In questo consiste tutto il potere della pubblicità tramite le connected TV, che consentono di agire attraverso vari sistemi, i quali si rivelano piuttosto utili per i committenti.
 
Il consumo di contenuti in streaming video, infatti, passa attraverso differenti canali, con opportunità che si rivelano a tutti gli effetti vincenti.
Ecco perché è vantaggioso sfruttare queste nuove forme di comunicazione, includendo le connected TV nella più diversificata pianificazione pubblicitaria.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande