Home | Economia | Ricerca e innovazione | Al TIS di Bolzano una maratona per hacker creativi

Al TIS di Bolzano una maratona per hacker creativi

Programmatori di computer da tutto il mondo si incontrano dal 16 al 17 maggio per il cosiddetto Hackathon

Una maratona per sviluppatori e creativi della durata di 24 ore dovrà fornire soluzioni innovative a problemi spinosi.
Programmatori di computer da tutto il mondo si incontrano dal 16 al 17 maggio al TIS per il cosiddetto Hackathon: avranno 24 ore di tempo per sviluppare soluzioni IT che possano migliorare la vita quotidiana di molte persone.
Il team che avrà l’idea migliore avrà la possibilità di partecipare ad un tutoraggio di tre mesi con degli esperti e potrà inoltre presentare le sue idee a potenziali investitori a San Francisco.
Programmatori, designer, giornalisti, creativi e «startupper» possono partecipare all’Hackathon al TIS per sviluppare idee e prototipi.
 
 Ne viene sempre fuori qualcosa di interessante 
Cosa esattamente produce l’Hackathon non si può mai dire prima. Ma una cosa è sicura: ne viene sempre fuori qualcosa di interessante.
Vantaggi degli Hackathon: non importa di quale soluzione si abbia bisogno – può essere sviluppata durante la notte.
Lo scorso anno ad esempio durante l’Hackathon di Bolzano è nata la app «Angelo custode – Ameo.io» per amanti dello sport outdoor, con la quale poter tenere traccia del proprio percorso ed in caso di incidente essere rintracciati rapidamente dai soccorritori.
L‘Hackathon viene organizzato dal Centro Free Software & Open Technologies del TIS in collaborazione con l’organizzatore di hackathon « Angelhack», ed è inoltre supportata dallo sponsor locale looptown.
 
 Vincenti & collegati 
Il gruppo vincitore del quarto Hackathon di Bolzano potrà usufruire di un programma di tutoraggio ed avrà poi la possibilità di volare a San Francisco (USA) per presentare la propria idea a investitori internazionali.
Oltre a ciò naturalmente l’Hackathon offre anche la possibilità di scambiare idee e conoscenze con altri programmatori talentuosi e di allacciare nuovi contatti.
Sabato, prima dell'inizio della fase «calda» dell’evento, la community di sviluppatori Vaadin terrà un workshop che riempirà la testa dei partecipanti di know-how sulle nuove tecnologie.
«Un Hackathon è un metodo molto innovativo per trasformare le buone idee in prototipi IT, e nel giro di sole 24 ore!» spiega Patrick Ohnewein, manager del Centro Free Software & Open Technologies del TIS.
Per essere sicuri che il programma sviluppato funzioni veramente, i team devono presentare immediatamente una versione demo del prototipo.
La versione demo deve funzionare per almeno 30 secondi e convincere la giuria di esperti.
La suspense è assicurata!
 
 Info 
L'iscrizione all’evento è gratuita e aperta a tutti.
È possibile iscriversi a questo sito: http://hackathon.bz.it/.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande