Home | Economia | Ricerca e innovazione | C’e’ la firma di Practix nella rivoluzione digitale di Langhirano

C’e’ la firma di Practix nella rivoluzione digitale di Langhirano

La startup FBK ha ideato il sistema con il quale il Comune, «capitale» del prosciutto di Parma, ha smaterializzato le pratiche urbanistiche ed edilizie

image

>
In tutta Italia è conosciuto per il «Festival del prosciutto di Parma» che ricorre puntuale, ogni anno, ad inizio settembre.
Langhirano, comune che supera di poco i 10 mila abitanti, lunedì 26 ottobre è stato al centro delle cronache giornalistiche nazionali non per le sue eccellenze agroalimentari ma per una piccola ma significativa «rivoluzione digitale»: è il primo comune italiano ad aver adottato una tecnologia in grado di smaterializzare le grandi mappe progettuali nella gestione delle pratiche edilizie e paesaggistiche.
Fogli grandi come lenzuola stampati con i plotter addio, mandati in pensione da un sistema digitale che rende più agevole, tracciabile e condiviso il lavoro di amministratori, tecnici comunali e progettisti, offrendo ai cittadini la massima trasparenza.
Completamente trasformata la sala riunioni del comitato edilizio, divenuta hi-tech con ultrabook touch e schermi di grandi dimensioni, con il cuore del sistema che è «made in Trentino»: si tratta di DraftTrade, soluzione ideata da Practix, spin-off di FBK ed oggi startup innovativa insediata nel Polo Meccatronica di Trentino Sviluppo.
«Nonostante se ne parli da tempo – sottolinea Daniel Tomasini, ceo di Practix - ancora oggi l’eliminazione della carta in certi contesti sembra improbabile. Abbiamo investito nel progetto di ricerca DraftTrade perché crediamo che le soluzioni touchscreen nell’uso professionale abbiano un futuro molto interessante. Questi schermi tramite l’uso di un software ben progettato possono diventare una valida alternativa all’uso della carta.»
 
Una vera e propria «rivoluzione digitale» dei servizi legati alla gestione del territorio, all’edilizia e all’urbanistica, quella avviata dal Comune di Langhirano.
Attraverso una profonda digitalizzazione del SIT, il Sistema Informativo Territoriale, i cittadini, gli operatori professionisti e gli amministratori della città possono accedere in forma digitale alla pianificazione nei suoi vari livelli tematici: idrogeologico, catastale, urbanistico, toponomastico.
I progetti edilizi o altri elaborati, trasmessi in forma digitale al Comune, possono essere visualizzati, valutati ed esaminati collegialmente su grande schermo, con possibilità di approfondimenti puntuali da parte dei vari soggetti coinvolti.
Nella sala riunioni del comitato edilizio sono stati installati sei ultrabook touch e due schermi di grandi dimensioni.
Questi schermi sono attivati da computer sui quali gira un software che accede ad uno speciale servizio cloud ideato da Practix: si chiama DraftTrade ed è una soluzione che permette la manipolazione rapida e intuitiva, tramite schermi multitouch, di tavole da disegno di qualsiasi dimensione e complessità.
Tramite questa soluzione, appositamente adattata alle necessità della Commissione, ogni membro trova sul proprio schermo in automatico tutta la pratica da trattare e ne naviga rapidamente i dettagli con le dita tramite una super lente digitale.
Il software permette di radunare gli appunti di tutto il comitato nella stessa pratica.
Nell’eventualità in cui l’ingegnere o l’architetto sia chiamato a esporre la documentazione che ha proposto, egli potrà avvalersi degli schermi a muro per esprimersi.
In questo modo il Comune ha potuto digitalizzare l’intero processo decisionale senza dover avvalersi di carta stampata.
 
Il tutto all’insegna della trasparenza e dell’efficienza.
«Il progetto - hanno spiegato il sindaco di Langhirano Giordano Bricoli e l’assessore all’innovazione del Comune, Anthony Monica - è doppiamente rivoluzionario perché abbatte i costi e i tempi di gestione dei documenti cartacei legati ai progetti, solitamente molto voluminosi, e accentua il grado di trasparenza nei dibattiti e nel dialogo con la popolazione.»
Practix, startup innovativa nota anche per aver realizzato il tavolo interattivo con il quale è possibile «navigare» la mummia di Ötzi presso il Museo Archeologico dell’Alto Adige a Bolzano, è stata sostenuta in fase di avvio dal fondo Seed Money-FESR, co-finanziato dalla Provincia autonoma di Trento, ed è attualmente insediata nel Polo Meccatronica di Rovereto, incubatore d’impresa di Trentino Sviluppo.
DraftTrade è il risultato di un progetto di ricerca e sviluppo avviato da Practix nel novembre 2012 ed è stato cofinanziato grazie al sostegno per interventi di ricerca applicata previsto dalla legge 6/99 della Provincia autonoma di Trento.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande