Home | Economia | Ricerca e innovazione | È da oggi operativa la società Hub Innovazione Trentino (HIT)

È da oggi operativa la società Hub Innovazione Trentino (HIT)

Hit è la società formata da Provincia, Università, Fbk e Fem per promuovere il sistema dell'innovazione trentino

image

>
È da oggi pienamente operativa la società Hub Innovazione Trentino, in sigla Hit, costituita da Provincia, Università, Fondazioni Kessler e Mach per promuovere e valorizzare il sistema territoriale della ricerca e dell'innovazione, contribuendo per questa strada alla crescita economica e all'internazionalizzazione del Trentino.
Con l'approvazione dell'accordo fra la Provincia e i diversi enti, da parte della Giunta provinciale, su proposta dell'assessora all'università e ricerca Sara Ferrari e del vicepresidente e assessore allo sviluppo economico e lavoro Alessandro Olivi, e si apre dunque una nuova fase di quel percorso che ha come obiettivo l'incremento dell'innovazione tecnologica e la creazione di opportunità concrete per far crescere il capitale umano, il sistema delle imprese, la qualità e la competitività dell'intero territorio provinciale.
Le attività di Hit scarl vengono definite con un piano operativo annuale.
Per il 2016, sulla base della richiesta espressa dai soci fondatori della società consortile, è stata già decisa la messa a disposizione di 2,5 milioni di euro.
 
L'accordo inter-enti siglato oggi individua alcuni obiettivi prioritari.
Hit dovrà innanzitutto rappresentare quel necessario momento di raccordo fra gli attori del sistema trentino, che garantisca un'azione unitaria sui temi dell'innovazione e della valorizzazione dei risultati della ricerca, in particolare dei brevetti.
Le attività previste andranno dal trasferimento tecnologico allo sviluppo di acceleratori d'impresa, dalle iniziative di clusterizzazione delle imprese al supporto ai ricercatori e ai centri di ricerca nell'individuare possibili sbocchi di mercato.
 
Hit dovrà anche svolgere attività di analisi delle prospettive di sviluppo del sistema trentino, promuovere confronti fra soggetti pubblici e privati sui temi relativi all'innovazione, definire road map tecnologiche che portino alla realizzazione di servizi a supporto delle scelte strategiche effettuate.
Ed ancora: la società dovrà promuovere l'innovazione tecnologica nella pubblica amministrazione, dar vita a living labs territoriali, supportare i giovani che intendano avviare attività mirate nei diversi settori dell'innovazione.
Tra gli obiettivi, infine, l'individuazione di adeguati strumenti di finanza ad alto impatto sociale, che favoriscano la crescita di un tessuto imprenditoriale adeguato, e il supporto fornito alle imprese interessate ai processi di innovazione e internazionalizzazione nell'ambito di network nazionali ed europei.
 
L'attuazione dell'accordo farà perno su una conferenza di coordinamento composta dall'assessora all'Università e ricerca, dal presidente e da un rappresentante di ogni socio fondatore di Hit scarl, dai dirigenti dei Dipartimenti provinciali competenti in materia di ricerca e di sviluppo economico. La conferenza di coordinamento si riunirà almeno ogni 4 mesi.
«Si tratta di un passaggio davvero molto importante – sottolinea l’assessora Sara Ferrari – che apre la strada ad una più stretta collaborazione fra tutti i principali attori della ricerca e dell'innovazione del Trentino, sotto l'egida provinciale, con un obiettivo condiviso: capitalizzare il patrimonio di intelligenze e di competenze presente in Università e nelle Fondazioni Kessler e Mach, grazie alla collaborazione con Trentino sviluppo, far sì che esso si traduca anche in nuove opportunità per il mondo imprenditoriale e dei servizi al cittadino, utilizzarlo come testa di ponte per aprire nuove strade in Italia e nel panorama internazionale. La sfida è al tempo stesso accrescere il tasso di innovazione all'interno dei confini del Trentino e proiettarci all'esterno, dando vita a partnership, alleanze strategiche, accordi che incrementino l'interscambio economico-commerciale ma anche quello scientifico, centrato sul capitale umano e sui prodotti della ricerca.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande