Home | Economia | Ricerca e innovazione | Si è insediato il nuovo board di «Hit, Hub Innovazione Trentino»

Si è insediato il nuovo board di «Hit, Hub Innovazione Trentino»

Presidente è Anna Gervasoni, Direttore generale sarà (da metà giugno) Alessandro Commito, selezionato tra oltre 60 candidati

image

>
Primo giorno di lavoro per il nuovo Consiglio di amministrazione di HIT, consorzio creato da Trentino Sviluppo, Università di Trento e le fondazioni Kessler e Mach per favorire il trasferimento tecnologico, l’innovazione e la nascita di nuova imprenditorialità dalla ricerca.
La prima seduta del nuovo Cda ha messo insieme sette membri di alto profilo.
«Nel board di HIT abbiamo una rappresentanza bilanciata tra rilevanti attori del territorio e figure di spicco del panorama nazionale ed europeo che assicureranno un forte radicamento e molte sinergie, – osserva la presidente Anna Gervasoni, ordinario presso l’Università Carlo Cattaneo. – LIUC e direttore generale di AIFI, Associazione Italiana del private equity, venture capital e private debt.
«Ad affiancarla nel ruolo che ricoprirà per i prossimi tre anni saranno i consiglieri Sara Roversi, imprenditrice bolognese del settore agroalimentare e digitale, e Timothy O’Connell, responsabile dei programmi di accelerazione dell’incubatore veneto H-Farm.
«Completano il Cda di HIT quattro membri espressione dei soci: Mauro Casotto, della Direzione Operativa di Trentino Sviluppo, che avrà il ruolo di vicepresidente, e i consiglieri Flavio Deflorian, prorettore vicario dell’Università degli Studi di Trento, Andrea Simoni, segretario generale della Fondazione Bruno Kessler e Sergio Menapace, direttore generale della Fondazione Edmund Mach.»
 
L’incontro di presentazione alla stampa, che è seguito alla seduta del Cda, è stato introdotto da Sara Ferrari, assessora all’Università e Ricerca della Provincia autonoma di Trento, ed ha visto la presenza dei vertici degli enti soci di HIT: il rettore dell’Università degli Studi di Trento Paolo Collini e i presidenti di Fondazione Bruno Kessler Francesco Profumo, Fondazione Edmund Mach Andrea Segré e Trentino Sviluppo Flavio Tosi.
«Il 3 giugno dello scorso anno – ha detto l'assessora Ferrari – ci eravamo presi un impegno forte, dicendoci pronti ad una scommessa di fondamentale importanza per il Trentino: quella di riuscire a valorizzare gli investimenti fatti in questi anni nella ricerca, che hanno portato la nostra Università e i nostri centri ad un livello di eccellenza, riuscendo a coniugarli sempre più e sempre meglio con gli investimenti fatti in campo economico e con la vitalità e il dinamismo delle aziende locali».
L’assessora ha ringraziato il Cda uscente e presentato i nuovi membri del board di HIT ed il suo direttore Alessandro Commito.
«Competenze importanti – ha detto Sara Ferrari (nella foto seguente tra presidente e direttore) – che potranno aiutarci a posizionare questo consorzio, questa alleanza, l’intero sistema trentino, all’interno delle grandi occasioni di investimento che possono esserci a livello nazionale ed internazionale»-
 

 
Hub Innovazione Trentino, società consortile operativa dal primo gennaio 2016, vuole promuovere e valorizzare i risultati della ricerca e l'innovazione del sistema Trentino per favorirne lo sviluppo economico del territorio.
In questi primi mesi di lavoro HIT è riuscito infatti ad accreditarsi in rilevanti iniziative progettuali e programmatiche di innovazione a livello nazionale (Cluster Tecnologico Smart Communities e, a breve, Fabbrica Intelligente e Agrifood) ed europeo, gestendo oltre 10 progetti finanziati dalla Commissione Europea e dall’Istituto Europeo di Innovazione e Tecnologia che andranno a finanziare anche startup e imprese operative sul territorio trentino.
Negli spazi di HIT sono inoltre ospitate ad oggi una decina di startup molto innovative, in gran parte fondate da giovani ricercatori provenienti dalle strutture dei soci accademici e di ricerca di HIT.
 
Il modello di funzionamento di HIT, basato su una struttura snella e operativa a servizio dei soci e del territorio trentino prevede ora 13 dipendenti ma si dovrebbe arrivare a un organico di 20 persone.
Ai lavori del primo Consiglio di amministrazione di HIT ha partecipato anche il futuro direttore della struttura, Alessandro Commito, vincitore di una selezione pubblica tra oltre 60 candidati che si insedierà a metà giugno.
 Il futuro direttore di HIT ha lavorato per importanti realtà industriali dell’automotive a livello internazionale, trasferendosi poi a Londra dove attualmente dirige l’Imperial Innovations, il centro di trasferimento tecnologico all’interno del «Golden Triangle» delimitato da Londra, Cambridge e Oxford.
 

 
Le attività di HIT si articolano in tre aree funzionali di riferimento. La prima fa riferimento ai grandi progetti di innovazione finanziati a livello nazionale ed europeo come i Cluster Tecnologici Nazionali e le Comunità della Conoscenza ed Innovazione, oltre alle progettualità europee che vanno a finanziare lo sviluppo di nuova impresa e servizi di innovazione per le imprese.
La seconda si focalizza sulla necessità di attirare sempre più sul territorio trentino laboratori di ricerca industriali di imprese private che, andando ad operare quotidianamente con le eccellenze di ricerca del territorio, siano portati a trasferire parte del personale in Trentino.
Un’ultima area riguarda l’accelerazione e il supporto alle nuove imprese nate da attività di ricerca o alto contenuto tecnologico, promuovendo iniziative mirate di formazione all’imprenditorialità e all’innovazione specifiche per ricercatori e nuovi imprenditori.
Per quanto riguarda le risorse economiche a disposizione, la Provincia autonoma di Trento garantisce ad HIT una dotazione finanziaria annuale di poco inferiore a 2,5 milioni di euro che verrà erogata in quote paritarie tramite i propri quattro soci.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande