Home | Economia | Ricerca e innovazione | 1.300 km con slitta realizzata dall’Università di Trento

1.300 km con slitta realizzata dall’Università di Trento

La slitta è stata progettata per essere un mezzo anfibio da terra e neve capace di trasformarsi velocemente per andare sia sul ghiaccio sia sull’asfalto

Da Fort Yukon ad Anchorage, in Alaska, per 1.300 chilometri in 54 giorni di viaggio.
È questa l’impresa degli esploratori Maurizio Belli e Fulvio Giovannini realizzata, tra marzo e aprile, con la «super slitta» dal nome 3SKA, nome che suggerisce l'unione tra il territorio trentino e quello dell'Alaska, costruita da un gruppo di nove studenti del Dipartimento di ingegneria industriale dell'Università di Trento.
La traversata è stata presentata oggi al 67/mo Trento Film Festival in uno degli incontri e degli eventi in programma.
La slitta, unica in Italia, per utilizzo e materiali, è stata progettata per essere un mezzo anfibio da terra e neve capace di trasformarsi velocemente in funzione dello stato del terreno e delle necessità degli esploratori, per andare sia sul ghiaccio sia sull’asfalto.
La slitta è stata costruita in un anno di lavoro da parte degli studenti universitari, guidati dai professori Stefano Rossi e Luca Fambri.
 

 
«Hanno realizzato uno scafo – hanno spiegato durante la presentazione – dalla forma tradizionale su cui montare all'occorrenza due perni a sbalzo, rimovibili.
«Sui perni hanno fissato due ruote, una per lato per consentire allo scafo di scivolare bene sulla neve. Per far scorrere la slitta sulla strada è stato sufficiente inserire i perni e le ruote e trasformarla così in un carro.»
«Una sfida mentale – hanno detto Belli e Giovannini – e fisica, un’avventura incredibile resa possibile dal fondamentale contributo degli studenti di ingegneria dell'Università di Trento.»
Scivolare su fiumi ghiacciati, superare grandi dislivelli, attraversare tratti innevati e strade asfaltate: il territorio dell'Alaska è un territorio dinamico e difficile da affrontare, ma i due sportivi Belli e Giovannini si sono affidati alla loro determinazione e forza fisica ed hanno terminato con successo la loro impresa.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande