Home | Economia | Ricerca e innovazione | L’Istituto Tecnico Buonarroti di Trento protagonista in Europa

L’Istituto Tecnico Buonarroti di Trento protagonista in Europa

All’interno di una partnership Erasmus strategica ha sviluppato risorse digitali per un insegnamento attivo e interattivo delle discipline STEM

image

>
Dopo tre anni di appassionante lavoro, martedì 4 giugno presso l’Istituto Tecnico Buonarroti-Pozzo di Trento si è tenuto l’evento finale del progetto Design STEM, una Strategic Partnership finanziata dal programma europeo Erasums+.
Il progetto ha avuto uno scopo molto ambizioso: sviluppare risorse digitali per un insegnamento attivo e interattivo delle discipline STEM (Science Technology Engineering Mathematics).
 
La valorizzazione delle STEM, primario obiettivo europeo, è stato perseguito sviluppando scenari di apprendimento che coinvolgono gli studenti in attività di problem solving legate al Design, ambito inedito in cui rendere le discipline scientifiche significative e maggiormente attrattive.
Gli scenari di apprendimento sono stati sviluppati secondo un approccio didattico costruttivista, la metodologia delle 5 «E» (Engage, Explore, Explain, Elaborate, Evaluate).
Tale metodologia prevede di porre un problema iniziale in grado di appassionare gli studenti e portarli ad acquisire nuove competenze attraverso un progresso esplorativo e conoscitivo.
Riferimenti costanti per lo sviluppo dei percorsi sono state le competenze chiave europee e gli obiettivi di sviluppo sostenibile posti dalle Nazioni Unite.
 
Al progetto hanno partecipato vari enti europei operanti in ambito STEM o Design: centri di ricerca, scuole, università di Inghilterra, Slovenia, Germania, Grecia, Olanda, Portogallo, Estonia e Finlandia hanno contribuito con le diverse anime, metodologie, competenze, costituendo un team in grado di potenziare gli apporti dei singoli.
Il ruolo affidato all’Istituto tecnico Buonarroti è stato di tipo scientifico e tecnologico, legato alle competenze digitali dei docenti.
Anche gli studenti sono stati coinvolti, in particolare nel test delle unità di apprendimento; il momento più significativo ha visto un team di studentesse prendere parte ad una sessione massiva di test in presenza di tutti i partner europei.
I risultati raggiunti dal progetto hanno superato quelli attesi in quanto, oltre alla piattaforma on-line che raccoglie gli scenari di apprendimento, è stata realizzata una libreria software a supporto dello sviluppo di strumenti grafici per la sperimentazione interattiva di concetti fisici e matematici.
 
Nel corso dell’evento finale sono state presentate tutte le risorse prodotte che, secondo la filosofia Erasmus, saranno rese liberamente accessibili e riutilizzabili tramite il sito web dell’istituto.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande