Home | Economia | Ricerca e innovazione | Un fondo di investimento di oltre 40 milioni di euro

Un fondo di investimento di oltre 40 milioni di euro

Progress Tech Transfer più vicino alla ricerca e all’innovazione del Trentino

La sostenibilitá ambientale ed energetica é un concetto molto spesso abbinato all’innovazione ed è questo il tema centrale della nuova iniziativa Progress Tech Transfer che, con una disponibilità di investimento superiore a 40 milioni di euro, è destinata a finanziare lo sviluppo delle migliori tecnologie prodotte da università e centri di ricerca.
Il Fondo – di cui MITO Technology S.r.l. è l’advisor – è sottoscritto da Cassa Depositi e Prestiti e dal Fondo Europeo per gli Investimenti all’interno della piattaforma strategica nazionale ITAtech.
Grazie alla partnership tra HIT e MITO Technology, il sistema della ricerca trentino (con numerosi ricercatori di Università, Fondazione Kessler e Fondazione Mach) e alcune startup del territorio hanno potuto conoscere direttamente le opportunità di investimento che Progress Tech Transfer rende disponibili, con l’obiettivo di candidare le proprie tecnologie sulla sostenibilità, declinate nei settori delle tecnologie per agricoltura, ambiente ed energia.
 
«L’evento di oggi rientra pienamente nella mission di HIT come attore territoriale di supporto al trasferimento tecnologico avanzato – commenta il Prof. Deflorian, Consigliere di HIT - Favorire la connessione di startup e ricercatori con le opportunità dei fondi di investimento sta diventando sempre più una priorità ed il Trentino evidenzia sempre più casi di successo in questo contesto.»
«Con questa iniziativa puntiamo a sostenere e finanziare alcune tra le migliori tecnologie sviluppate dalla ricerca pubblica, che, per carenti risorse economiche, faticano a maturare e a raggiungere il mercato – aggiunge Francesco De Michelis, CEO di Progress TT – Focus degli investimenti saranno tecnologie di eccellenza in grado di offrire soluzioni nell’ambito della sostenibilità: un tema che impatta sul quotidiano nostro e delle prossime generazioni e che, inoltre, impegna costantemente le aziende nel ricercare input produttivi.»
L’attività rientra nella mission di HIT di favorire opportunità di investimento per la valorizzazione di risultati della ricerca che possano portare ricadute concrete nell’economia trentina, sia attraverso la costituzione di nuove imprese high-tech, sia attraverso il finanziamento delle startup già esistenti.
 
Grazie all’intesa con MITO Technology, HIT potrà infatti fornire ai propri fondatori scientifici – Università di Trento, Fondazione Bruno Kessler e Fondazione Edmund Mach – e alle startup territoriali attive in questo settore opportunità di investimento e reperibilità di risorse, anche aggiuntive rispetto a quelle già eventualmente disponibili, nonché un sensibile incremento nelle opportunità di selezione delle tecnologie, per il loro posizionamento sul mercato.
Durante la presentazione congiunta tenuta nelle sale della Fondazione Bruno Kessler, a Povo, il pubblico di addetti ai lavori ha potuto rilevare modalità e interazioni possibili per gli interventi previsti da questo fondo.
«Progress Tech Transfer» prevede infatti un portafoglio di investimenti su due principali modelli:
- una fase iniziale di finanziamento (da 50.000 a 200.000 euro) per il testing delle tecnologie di ricerca per una validazione in contesto di mercato (c.d. proof-of-concept) per tecnologie a basso livello di maturazione, al fine di farle giungere alla fase di sfruttamento commerciale e al successo economico.
- Investimento diretto in startup tecnologiche, arrivando fino a 1.5 milioni di euro sotto forma di investimento in equity per singolo progetto.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande