Home | Esteri | Al via Expo Dubai 2020 dal 1° ottobre 2021

Al via Expo Dubai 2020 dal 1° ottobre 2021

Grande attenzione per il Padiglione Italia: ospita 53 aziende, 15 regioni e 30 università del nostro Paese per oltre 400 eventi programmati

image

>
Il primo ottobre 2021 ha preso il via ufficialmente a Dubai l'Expo che ha raccolto il testimone dall'Italia e che, per i prossimi 6 mesi, ospiterà gli stand di 192 Paesi di tutto il pianeta, per «connettere le menti e generare il futuro» come recita il claim della manifestazione.
Grande attenzione per il Padiglione Italia, che ospita 53 aziende, 15 regioni e 30 università del nostro Paese per oltre 400 eventi programmati.
Paolo Glisenti, Commissario Generale dell'Italia per Expo 2020 Dubai ha spiegato «la sostenibilità è il motore dell'innovazione non è ma una spinta in avanti che genera lavoro, occupazione, esportazione, attrazioni di investimenti, la sostenibilità è un processo in avanti innovativo di crescita».
 
Vascelli veri utilizzati per il tetto e verniciati con colori naturali, pareti di corda create con circa 2 milioni di bottiglie di plastica riciclata, pavimenti di bucce d'arancia e mura di fondi di caffè, laghi di alga spirulina rappresentano l'essenza ambientalista di questa struttura premiata come miglior progetto imprenditoriale dell'anno, come hanno ricordato a gli architetti Italo Rota e Carlo Ratti.
«Questo edificio è un grande laboratorio, fondato su una idea semplice che è l'architettura circolare, un sistema che si integra e che cerca di arrivare agli obbiettivi che ci siamo dati», – ha spiegato Rota.
«La facciata del Padiglione è fatta di 70 chilometri di corda che ci permette di far passare l'aria e non avere l'aria condizionata, corde risultato di 2 milioni di bottiglie di plastica riciclate che diventano facciata e domani alla fine di Expo saranno trasformate in altro, – ha aggiunto Ratti. – Lo stesso si può dire dell'architettura di questo Padiglione, questo tetto sono tre imbarcazioni che diventano tetto durante l'Expo e che domani potranno volendo tornare a solcare i mari.»


 
Il tour si conclude al Teatro della memoria, dove il David di Michelangelo è pronto a fissare negli occhi i turisti.
Un ampio spazio è dedicato anche al made in Italy tecnologico, rappresentato da Leonardo che ha portato a Dubai la trivella robotica che andrà su Marte con la missione Exomars 2022, l'orologio atomico al rubidio capace di sbagliare al massimo di un secondo ogni 3 milioni di anni, il nuovo convertiplano Aw609, di cui una gondola motore fa bella mostra di sé al centro del padiglione mentre altre novità verranno presentate nel corso della manifestazione.
 
Quindici Regioni hanno aderito al progetto del Padiglione Italia a Expo Dubai, una presenza senza precedenti per il nostro Paese in un’Esposizione Universale.
Sono protagoniste in decine di eventi nel corso del semestre al via il 1° ottobre e ogni giorno con filmati da Oscar nel percorso espositivo.
Il racconto costruito dal regista Gabriele Salvatores con le Regioni partecipanti prevede infatti una serie di contenuti altamente scenografici e d’impatto, visibili in due diverse sezioni: il Belvedere, con proiezioni a 360 gradi dei paesaggi italiani più suggestivi in filmati della durata di 3 minuti in cui verranno rappresentati 3 paesaggi Regionali (naturale, antropizzato e urbano); le «Monografie» in bianco e nero, proiettate su uno schermo di 100 metri quadrati e capaci di mostrare al visitatore, con 3 diversi soggetti, il meglio delle competenze e delle eccellenze dei territori.
Le Regioni hanno inoltre uno spazio dedicato anche nelle «Short Stories»: una mostra temporanea in cui immagini e oggetti non in movimento, ma disposti all’interno di teche, racconteranno ai visitatori una storia del saper fare e delle maestrie dei territori.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande