Home | Esteri | La «scusa» della pena di morte per i nostri Marò

La «scusa» della pena di morte per i nostri Marò

Sollevata l’ipotesi di «omicidio a fini di pirateria», l’unica che consentirebbe il processo in India

image

Torna nell’aria l’ipotesi di un processo nei confronti dei nostri Marò con l’imputazione di «pirateria».
La questione è sostanzialmente oltraggiosa nei confronti del nostro Paese, perché le motivazioni altro non sono che una scusa per poter celebrare un processo in India che altrimenti non reggerebbe sotto nessun punto di vista.
In altre parole, dopo due anni di elucubrazioni sul come uscire dal vicolo cieco in cui si sono cacciate le autorità indiane nella vicenda dei marò, l’India si trova davanti alla necessità di ipotizzare l’unica imputazione che consentirebbe all’ordinamento giudiziario di celebrare il processo: la pirateria.
Infatti secondo la legge Indiana tale reato sarebbe universale, nel senso che sarebbe oggettivo indipendentemente dal dove e il quando sia stato consumato, quindi anche fuori dalle acque territoriali.
 
Ovviamente le nostre autorità, finalmente, si sollevato denunciando da una parte la violazione degli accordi per cui i marò erano tornati in India solo perché era esclusa l’ipotesi di reato con pena di morte, dall’altra perché la faccenda sta diventando grottesca.
Per i nostri Marò e per i cittadini italiani il problema non si pone, perché tale ipotesi porterebbe ad una più rapida soluzione. Un paio di udienze sarebbero infatti sufficienti per far smontare l’ipotesi di omicidio ai fini di pirateria.
Questo in un paese civile, naturalmente. In un paese in via di civilizzazione tutto è possibile.
Ma quello che speriamo possa scaturire dalla situazione divenuta grottesca è che il nostro governo cominci a ragionare con determinazione.
Questo, naturalmente, in un paese civile.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni