Home | Esteri | La Farnesina raccomanda cautela a chi va in Thailandia

La Farnesina raccomanda cautela a chi va in Thailandia

«Non è il momento ideale per andare in Thailandia» – Le regioni dove si sconsiglia di andare

La Farnesina comunica che in Thailandia è stata proclamata la legge marziale.
Il che, si precisa, non impedisce né limita la normale circolazione delle persone. Ha solo affidato l’ordine pubblico alle Forze Armate. Le quali hanno subito intimato alle Camice Gialle (anti-governative) di incontrarsi con le opposte fazioni delle Camice Rosse.
Al momento rimangono sconsigliati i viaggi nelle province del Distretto di Kantharalak e in prossimità del confine con la Cambogia, dove una disputa di confine tra i due Paesi non si è ancora del tutto risolta.
Nella cartina che segue è segnata in rosso la zona di cui si parla.
Sono sconsigliati tuttavia anche i viaggi nel sud del paese, dove si registrano ancora attentati di matrice islamica contro le comunità buddiste.
 
 Che cosa sta succedendo in Thailandia
La scorso 7 maggio, la Corte Costituzionale thailandese ha reso nota la sentenza che decreta la destituzione del Primo Ministro ad interim Yingluck Shinawatra, leader del movimento politico «Pheu Thai» («Per i Thailandesi»), risultato essere il primo partito nelle elezioni generali del 2011.
L’accusa è quella di abuso di potere, in relazione alla rimozione illegittima di un impiegato statale, fatto risalente a tre anni fa.
La decisione si inserisce nel quadro di un conflitto istituzionale che negli ultimi anni ha visto numerose volte la Suprema Corte entrare in conflitto con l’esecutivo in carica.
Già in altre occasioni, infatti, la massima autorità giudiziaria del Paese si era pronunciata in contrasto con le direttive politiche del governo.
Tuttavia, il recente verdetto non sembra essere sostenuto da una chiara previsione costituzionale ed è stato oggetto di forti contestazioni da parte dei sostenitori di Shinawatra.
 
Da diversi mesi la Thailandia è un Paese politicamente paralizzato, sin da quando, lo scorso dicembre, il Parlamento è stato sciolto in seguito a un’ondata di tumulti popolari antigovernativi che hanno colpito principalmente Bangkok.
Lo scontro politico-isituzionale in atto fa da cornice, in realtà, a un generale malcontento per gli scandali di corruzione e malgoverno che hanno costellato il decennio di dominio politico della famiglia Shinawatra.
La decisione del governo, lo scorso dicembre, di convocare le elezioni politiche per febbraio si è rivelata un flop, a causa del riuscito boicottaggio dell’opposizione e della dichiarazione di invalidità del voto emessa dalla Corte Costituzionale.
 
La situazione è precipitata ulteriormente nelle ultime settimane, duranti le quali gli scontri di piazza tra le «Red Shirts», i sostenitori di Shinawatra, per lo più provenienti dalle aree rurali del Paese, e le «Yellow Shirts», gli oppositori, riuniti nel «Comitato per le riforme Popolari» (PDRC), hanno fatto scivolare pericolosamente la Thailandia nel caos e minacciano seriamente di far slittare la nuova convocazione elettorale prevista per il mese di luglio.
Ciò che ad oggi appare l’unico esito probabile della disputa in atto è la progressiva perdita di legittimazione delle già fragili istituzioni democratiche, in una realtà statuale che ha conosciuto 10 colpi di stato negli ultimi 60 anni di storia del Paese.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni