Home | Esteri | «Non abbassare la guardia nel contrasto al terrorismo»

«Non abbassare la guardia nel contrasto al terrorismo»

Lo ha detto il senatore Franco Panizza (PATT) al vertice Gsm-Nato – Minniti: «Risposta unitaria contro il rischio foreign fighters»

«Le azioni di contrasto del terrorismo internazionale devono continuare con uguale intensità. Sarebbe grave pensare che alle sconfitte militari del Daesh corrisponda un ridimensionamento della minaccia terroristica. Non bisogna abbassare la guardia.»
Così il segretario del PATT e componente della delegazione parlamentare NATO, sen. Franco Panizza, commentando l’apertura dei lavori oggi alla Camera dei Deputati del seminario del Gruppo speciale Mediterraneo e Medio Oriente.
 
«Adesso – prosegue Panizza – la sfida è anche politica e riguarda la stabilizzazione dei territori liberati dal Daesh. Allo stesso tempo bisogna rendere finalmente effettiva la collaborazione internazionale, soprattutto sui terreni della condivisione delle informazioni e di un coordinamento delle attività di prevenzione.
«In tutti gli interventi, da quello del Presidente Gentiloni a quello di Andrea Manciulli, è stata sottolineata questa necessità, così come quella di un fenomeno che può essere sconfitto solo se viene affrontato nella sua complessità.»
 
«Ho apprezzato, da questo punto di vista, le parole di grande concretezza del Ministro Minniti sul rafforzamento dei controlli in Libia e nel Nord Africa, per scongiurare il rischio che i Foreign Fighters si mescolino ai migranti intenzionati a partire per l’Europa, – ha precisato. – Così come è importante che si rafforzi il lavoro, già intrapreso all’ultimo G7, di coinvolgimento dei grandi provider della Rete che devono supportare le nostre intelligence nell'individuare chi fa opera di indottrinamento dei singoli.»
 
Il gruppo speciale mediterraneo della NATO è l’unico organismo dell’alleanza che unisce i paesi aderenti con quelli dell’altra sponda del Mediterraneo e del Medio Oriente.
È quindi un luogo importante - oggi erano presenti i rappresentanti di tutti i Paesi -per affrontare tutti i temi che non sono al centro di questa sessione, ma su cui si concentrano le maggiori preoccupazioni internazionali, dal terrorismo, alla stabilizzazione della Siria e della Libia, al traffico di essere umani.
«Il mio auspicio – conclude Panizza – è che trovandoci di fronte a una minaccia globale, l’Europa e il mondo vi rispondano davvero in maniera unitaria.»

 
 
 Minniti al seminario del gruppo Mediterraneo/Medio Oriente Nato 
Fondamentali intelligence e collaborazione con i big del web
 
Contro Daesh serve una risposta sul terreno militare, su quello dell'intelligence e sul fronte della politica.
«Il suo potere militare è finito, ma non la minaccia che rappresenta», ha detto questo pomeriggio il ministro dell'Interno Marco Minniti alla Camera dei Deputati intervenendo al seminario del Gruppo speciale sul Mediterraneo e Medio Oriente dell'Assemblea parlamentare della NATO.
Riferendosi allo «scacco militare drammatico che Daesh ha subito negli ultimi mesi» soprattutto con la caduta di Mosul e Raqqua, il ministro ha messo in guardia contro un possibile "rigurgito" di terrorismo anche dovuto al probabile rientro, in particolare verso Unione europea (Ue) e Nord Africa, dei foreign fighters sopravvissuti.
 
Le stesse Mosul e Raqqa sono «miniere di informazioni sui foreign fighters e per questo è necessaria una collaborazione internazionale», ha sottolineato Minniti ricordando la rete di scambio di informazioni che è stata sviluppata nel tempo: «un'attività fondamentale per prevenire gli attacchi terroristici», che la comunità internazionale deve portare avanti.
Nello scenario attuale è ragionevole pensare che Daesh, anche noto come Isis, «sia portato a una risposta più propriamente terroristica per confermare la propria esistenza in vita», anche attraverso i foreign fighters in ritorno. Un ritorno che non è una «ritirata strategica», secondo il ministro, ma piuttosto «una fuga dal teatro operativo, una diaspora individuale».
 
«Quelli che stanno tornando a casa sono una minaccia da non sottovalutare», ha detto chiaramente Minniti, convinto che prevenzione e intelligence siano le chiavi per neutralizzarla, i terreni sui quali «dobbiamo essere molto forti».
È reale «il rischio che queste persone si mischino ai flussi migratori verso i nostri Paesi», ha messo in guardia il ministro ponendo «due grandi questioni» che sono «un imperativo categorico della Nato e dell'intera comunità internazionale»: lo scacchiere dell'Africa settentrionale e, soprattutto, la Libia, «nuovo confine sud dell'Europa».
 
A queste si aggiunge la questione Balcani, «dove si gioca una partita cruciale per le esperienze di radicalizzazione», e il rischio di «lupi solitari» o di «piccoli gruppi che si auto-attivano senza un comando», rispetto ai quali, però, oltre alla lunga esperienza maturata sul campo, «abbiamo misurato in questi mesi il morso di un terrorismo a prevedibilità zero».
In questo quadro «è cruciale il web, che in questi anni è stato luogo di radicalizzazione e reclutamento, istruzione ed emulazione».
Non è in discussione, per il ministro, «la libertà che il web ha messo nel mondo», non si tratta di proibire «ma di regolare insieme con i grandi provider», con i quali si deve avviare una discussione molto chiara.
 
«Ci sono le basi per una grande alleanza» con i big del web, alcuni dei quali erano presenti - per la prima volta - al G7 di Ischia dove hanno partecipato alla sessione di lavori dedicata al contrasto della minaccia terroristica sulla rete.
In conclusione, il ministro ha ribadito quanto mai come adesso l'unione della comunità internazionale sia «fondamentale se vogliamo vincere questa sfida drammatica che Daesh ha lanciato all'umanità».
Solo rimanendo uniti - tenendo così insieme i tra fattori: risposta militare, controllo dell'intelligence, risposta politica - si potrà «costruire un futuro migliore per le nostre comunità».

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni