Home | Esteri | La Catalogna ha votato: i separatisti sono maggioranza

La Catalogna ha votato: i separatisti sono maggioranza

Non che cambi qualcosa: Rajoy conferma la volontà di non concedere alcuna indipendenza

La Catalogna è andata a votare in massa (86%), come sempre quando c’è una dicotomia importante nelle scelte politiche. La maggioranza è separatista, anche se il primo partito è unionista.
E in tutti i casi, dato che Madrid non ha alcuna intenzione di concedere l’indipendenza alla Catalogna (e lo ha dimostrato con la forza), sarà possibile formare solo un governo che tra le proprie aspirazioni non ci sia la secessione.
Va da sé che il partito di Rajoy è crollato. Ma ecco i risultati generali delle elezioni.
 
Partito dei cittadini (C'S): 25,37% - 37 seggi [anti separatisti – NdR].
Uniti per la Catalogna (JUNTSxCAT): 21,65% - 34 seggi [separatisti].
Sinistra repubblicana - Catalogna sì, si può (ERC-CatSí): 21,39% - 32 seggi [separatisti].
Partito Socialista (PSC): 13,88% - 17 seggi.
Catalogna in comune - Podemos (CatComú-Podem): 7,45% - 8 seggi [separatisti].
Candidatura di Unità Popolare (CUP): 4,45% - 4 seggi.
Partito Popolare (PP): 4,24% - 3 seggi [partito di Rajoy].
Partito Animalista contro il maltrattamento degli animali (PACMA): 0,89% - Zero seggi.
Zero tagli - I verdi (VERDI) : 0,23% - Zero seggi.
Per un mondo più giusto (PU M+J): 0,01% - Zero seggi.
 
A leggere i risultati appare dunque difficile anche la formazione di un nuovo governo.
La maggioranza separatista ha infatti un vantaggio di soli 3 seggi.
Inoltre, come abbiamo detto in apertura, non si tratta di una rivincita per Puigdemont perché non ci si trova davanti al plebiscito che si aspettava. Il che darà maggior forza a Rajoy che avverserà in tuttiti modi la separazione.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni