Home | Esteri | Afghanistan | Un disastro umanitario si consuma sotto gli occhi del mondo

Un disastro umanitario si consuma sotto gli occhi del mondo

Afghanistan, Save the Children: migliaia di bambini vivono per strada a Kabul dopo essere fuggiti dalla violenza

Si stima che 72.000 bambini siano arrivati nella capitale afgana, Kabul, negli ultimi giorni dopo essere fuggiti dalle loro case a causa dell'ondata di violenza.
Secondo Save the Children, l'Organizzazione che da oltre 100 anni lotta per salvare i bambini a rischio e garantire loro un futuro, molti minori vivono per strada, in tende di tela cerata, e soffrono la fame.
Il loro numero aumenta di ora in ora.
 
Un sondaggio di Save the Children rileva che, su circa 630 famiglie arrivate a Kabul negli ultimi giorni, più della metà (324) ha detto di avere poco o nessun accesso al cibo o ad altre forme di sostegno.
Molte di esse hanno dovuto attuare misure disperate per sopravvivere, come vendere i loro beni per ottenere i soldi per l'approvvigionamento alimentare, mandare i loro figli a lavorare, o tagliare pesantemente le razioni di cibo.
Tutte le famiglie hanno detto di aver accumulato debiti per mettersi in salvo.
 
Save the Children ha inoltre messo in guardia sulla possibile diffusione di malattie, dato che le famiglie sono costrette a defecare all'aperto.
«Questo è un disastro umanitario che si sta consumando davanti agli occhi del mondo, – ha detto Christopher Nyamandi, Direttore di Save the Children in Afghanistan. – Le famiglie che già vivono a Kabul hanno portato il cibo che potevano risparmiare per aiutare gli sfollati, ma non ce n'è abbastanza. E altre famiglie arrivano ogni ora.
«Cominceremo molto presto a vedere bambini che soffrono la fame o addirittura scivolare nella malnutrizione.
«La gente sta bevendo acqua da contenitori sporchi ed è costretta a vivere in condizioni non igieniche. Siamo a un passo da un'epidemia.»
 
«La gente dell'Afghanistan non solo ha bisogno dell'attenzione del mondo, ma anche del suo aiuto per superare tutto questo.
«Si tratta di famiglie con bambini, anziani, a cui non possiamo voltare le spalle. Il nostro staff si è imbattuto in almeno 13 donne incinte.
«Abbiamo bisogno di tende, cibo, acqua pulita, servizi igienici. Immediatamente. L'unica vera soluzione è la fine dei combattimenti e il raggiungimento di un accordo tra le parti in guerra, – ha concluso Christopher Nyamandi. – Ma fino a quel momento, dobbiamo sostenere i bambini e le loro famiglie che sono stati coinvolti in questo terribile conflitto.»
 
Save the Children sta supportando le famiglie appena arrivate fornendo coperte e altri beni di prima necessità e, in seguito a quanto emerso da questo primo sondaggio, aumenterà il proprio intervento di risposta all’emergenza.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande