Home | Esteri | Afghanistan | Kabul è caduta, l’Afghanistan è tornato in mano Talebana

Kabul è caduta, l’Afghanistan è tornato in mano Talebana

E adesso sono i nemici dei Talebani a Ricorrere a Emergency – Iniziata l’evacuazione del personale della nostra ambasciata

Dopo 20 anni i Talebani sono di nuovo padroni dell’Afghanistan. Oggi è caduta anche Kabul ed è stato occupato il palazzo presidenziale.
Il presidente dell’Afghanistan Ashraf Ghani è rimasto senza alcun supporto militare e si è dato alla fuga; probabilmente si è rifugiato in Tagikistan.
Del tutto inutili le negoziazioni in corso in Qatar. Tuttavia sembra che i Talebani, finché non verrà attivata una nuova costituzione, se così possiamo chiamarla.
I civili sono corsi alle banche a prelevare contanti. Le automobili hanno intasato le strade. La città è paralizzata.
 
Contrariamente a quanto enunciato dai Talebani, ci sono state inevitabili sparatorie per le strade di Kabul.
Non tutti, anzi pochi, hanno potuto scapare come il presidente e, se non possono scendere a compromessi con i rivoltosi, si difenderanno fino all’ultimo.
Emergency comunica che si è rivolta alle loro strutture una quarantina di feriti. Dunque si sono rovesciate le sorti: adesso non sono i Talebani a ricorrere alle cure di Emergency, ma i cittadini in fuga dai nuovi padroni della città.
 
Intanto continua l’evacuazione del personale della nostra ambasciata. Elicotteri Black Hawk stanno facendo la spola dall’ambasciata all’aeroporto, dove c’è il nostro primo aereo italiano che li porterà a casa.
Al momento l’unico pericolo che vengano abbattuti gli elicotteri, perché attraversano un territorio nelle mani degli occupanti.
Poi si dovranno attendere altri aerei dall’Italia, che il Ministro della Difesa Italiano ha assicurato di inviare.

Ricordiamo che gli afghani che hanno collaborato con le forze armate italiane come interpreti o altro sono in pericolo di vita se rimangono sul posto. La Difesa vuole portarli in Italia con un visto speciale.
Speriamo vivamente che non accada come a Saigon nel 1975, quando gli Americani lasciarono il Vietnam lasciando sul posto la maggior parte degli ex alleati.
Comunque la si voglia vedere, se la guerra in L’Afghanistan fu decisa con una certa leggerezza, il disimpegno è avvenuto nella più totale incapacità negoziale.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande