Home | Esteri | Afghanistan | Missione a Herat/ 22 – Intervista al generale Bellacicco

Missione a Herat/ 22 – Intervista al generale Bellacicco

Che differenza c'è tra una missione di guerra e una di pace? «Io non ho mai partecipato a missioni di guerra» La situazione militare a Herat

image



La Brigata Alpina Julia è una delle Grandi Unità specializzate per il combattimento in montagna che la Forza Armata annovera fra le sue fila.
Costituita come 3° Raggruppamento Alpino nel 1923 assume la denominazione attuale nel 1934. Impiegata nel 1939 in Albania, vi permane allo scoppio della seconda guerra mondiale impegnata sul fronte greco.
Inviata in Russia rientra in Patria nel 1943 decimata. Sciolta a seguito dell'armistizio si ricostituisce nel 1949.
Dislocata in Friuli Venezia Giulia, Veneto e Trentino Alto Adige, si compone di un reparto comando, tre reggimenti d'arma base, uno d'artiglieria ed un reggimento genio guastatori.

Il suo comandante è il generale di brigata Marcello Bellacicco, che è nato a Savona il 19 Giugno 1959.
Ha comandato il battaglione Alpini Paracadutisti «Monte Cervino» di stanza a Bolzano dal 1997-1999.
Quale Ufficiale di Stato Maggiore ha prestato servizio presso lo Stato Maggiore dell'Esercito dal 1999 al 2002, ove ha ricoperto l'incarico di Capo Sezione Formazione e Addestramento.
Dal 2002 al 2003, ha comandato il 2° reggimento Alpini della Brigata Alpina «Taurinense», di stanza a Cuneo e il reggimento allievi dell'Accademia Militare di Modena dal 2003 al 2005.

Da febbraio 2006 a luglio 2009 ha ricoperto l'incarico di Addetto Militare preso l'Ambasciata italiana nella sede di Berlino con accreditamenti secondari per l' Olanda e la Danimarca.
Da agosto 2009 ad aprile 2010 ha ricoperto l'incarico di Capo di Stato Maggiore delle Truppe Alpine.
Il 16 aprile 2010 ha assunto il Comando della Brigata Alpina Julia e della Multinational Land Force.
Il Generale di Brigata BELLACICCO ha frequentato il Corso di Stato Maggiore, il Corso Superiore di Stato Maggiore ed il successivo Corso Superiore Interforze e ha conseguito la laurea e il master in Scienze Strategiche.
Possiede numerose qualifiche e brevetti tra cui, ovviamente, quello di paracadutista, istruttore militare di sci e di alpinismo ed esperto di neve e valanghe.



ONORIFICENZE
Medaglia per Operazione Soccorso Disastri (Valle Stava 1985);
Medaglia per Operazione Soccorso Disastri (Valle Valtellina 1985);
Medaglia ONU, per Operazione ONUMOZ (Mozambico 1993);
Croce di Bronzo dell'Esercito Italiano per ONUMOZ (Mozambico 1993);
Medaglia NATO, Operazione IFOR (Bosnia 1995);
Croce di Bronzo della Bundeswehr tedesca (Bosnia 2002-2003);
Croce di Bronzo dell'Esercito Italiano (Bosnia 2002-2003);
Ordine al merito della Repubblica Italiana;
Medaglia di Bronzo di lungo comando nell'Esercito.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni