Home | Esteri | Afghanistan | Il caporalmaggiore Sanna è stato ucciso con un'«azione subdola»

Il caporalmaggiore Sanna è stato ucciso con un'«azione subdola»

Quello avvenuto ieri a Bala Murghab (Afghanistan) è stato un attentato vero e proprio, cioè finalizzato solo a uccidere per uccidere

Non siamo ancora in possesso di una versione ufficiale sulle circostanze che hanno portato alla morte del Primo caporalmaggiore Luca Sanna e al grave ferimento del suo collega, ma allo stato sembra che le cose siano andate così.

Un militare del'ANA (esercito regolare afghano) si è avvicinato al caporalmaggiore come per chiedergli consiglio sul cattivo funzionamento del suo fucile mitragliatore leggero.
Il nostro ragazzo si è avvicinato e l'altro ha aperto il fuoco sparandogli alla testa.
Poi ha sparato all'altro, colpendolo alla spalla e al torace.
Infine se ne è andato indisturbato.

Sono cose che possono succedere, dato che la collaborazione con i militari afghani è uno dei punti fermi della missione ISAF.
I contorni dello scontro a fuoco assumono le caratteristiche dell'attentato vero e proprio, in quando si tratta di un'«azione subdola», come è precisato dalla terminologia militare.

Chi scrive questo articolo è stato in un avamposto difeso da truppe italiane, americane e afghane. E, delle due, l'una: o ti fidi o non ti fidi.
Il lavoro di selezione spetta alle intelligence della coalizione, ma certamente non è un lavoro facile.
In ogni caso, quando avremo una versione ufficiale, provvederemo a pubblicarla.
_____________________________________________________________________

Aggiornamento
Abbiamo appreso che sarebbe stato un infiltrato a compiere l'attentato che è costato la vita a Sanna. Cioè un terrorista che si è arruolato come miitare afghano e che, al momento opportuno, ha compiuto il suo attentato.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni