Home | Esteri | Afghanistan | Caserta, prosegue il lavoro del V Alpini di Vipiteno

Caserta, prosegue il lavoro del V Alpini di Vipiteno

Strade Sicure a ferragosto, l'attività sulle strade casertane

Sono stati numerosi i controlli alla circolazione stradale effettuati durante l'ultimo fine settimana di Ferragosto sul territorio della provincia di Caserta dagli Alpini del 5° Reggimento di Vipiteno, comandati dal Colonnello Giovanni Coradello, che dallo scorso 8 agosto sono impegnati nell'Operazione «Strade Sicure 4», in sinergia con i militari dei Carabinieri, Polizia di Stato e Guardia di Finanza.

Nel corso della specifica attività di servizio, svolta in una settimana (8 - 16 agosto) dagli Alpini del Quinto, sono stati controllate circa 2.300 persone; 13 sono stati denunciati; 1.900 gli autoveicoli controllati e 18 quelli sequestrati.
È stata sequestrata anche della droga e ben 200 articoli contraffatti sequestrati.

In sette giorni gli uomini e le donne del Quinto Alpini hanno percorso 36.800 chilometri sotto il sole cocente.
In totale le attività svolte dalle penne nere di Vipiteno (fra pattuglie e servizi fissi) sono stati 280.
Ai posti di controllo, effettuati con la collaborazione delle altre forze di Polizia, sono state riscontrate anche violazioni non penali al Codice della Strada, non per questo meno pericolose per l'incolumità personale degli stessi contravventori.

Mancato utilizzo delle cinture di sicurezza, uso del telefonino alla guida e mancata copertura assicurativa del veicolo, queste le infrazioni più comuni riscontrate, che hanno portato oltre a salate multe anche al sequestro dei mezzi.
Insomma, un risultato esaltante per soli sette giorni di «Strade Sicure 4».

Il 5° Reggimento di fanteria alpini è una delle unità fondamentali di manovra della Brigata Julia, principalmente dedicate a svolgere la funzione combat.
È caratterizzato da elevata mobilità, spiccata versatilità di impiego, accentuata autonomia operativa, buona potenza di fuoco e modularità delle strutture operative.

È idoneo a sviluppare operazioni in tempi ristretti in funzione della sua accentuata proiettabilità e capacità di dispiegamento in terreno compartimentato montano.
Come gli altri reggimenti alpini, costituisce la componente di fanteria leggera dell'Esercito che, per propria natura, deve esprimere al massimo le virtù del combattente.

Allo stesso modo i reparti alpini sono idonei ad operare in tutti gli scenari di crisi, da quelli a più alta intensità alle missioni umanitarie.
Il Reparto è stato impiegato nelle missioni di ordine pubblico Vespri Siciliani in Sicilia e Riace in Calabria ed in soccorso alle popolazioni colpite dall'alluvione del 1994 in Piemonte. Nell'ultimo anno è stato schierato in Afghanistan nella missione ISAF.

Nunzio De Pinto

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni