Home | Esteri | Afghanistan | Afghanistan: siamo riusciti a reintegrare degli «insorti»

Afghanistan: siamo riusciti a reintegrare degli «insorti»

E' il risultato di complessi negoziati condotti dalle preposte agenzie governative

image

Nella giornata dello scorso 14 dicembre, è stato portato formalmente a termine il «processo di reintegrazione» di alcuni gruppi armati dei settori Nord e Centrale dell’area di responsabilità del Comando Regionale Ovest (RC-West), comandato dal Generale di Brigata Luciano Portolano.
L'evento ha avuto particolare risonanza presso il Comando NATO ISAF e, in generale, nella comunità istituzionale Afgana, sia per l’entità dei reintegrati sia per il quantitativo di armi e munizioni da essi consegnate.
 
Tale processo è il risultato di complessi negoziati condotti dalle preposte agenzie governative in forza della pressione operativa esercitata da RCW nei precedenti mesi di ottobre e novembre nel settore Nord dell’area di responsabilità.
Infatti, nel quadro delle operazioni condotte da RC-West negli ultimi due mesi, grande impulso è stato conferito alla condotta di attività tradizionalmente cinetiche, ossia connesse con il contrasto dinamico dell’insorgenza, e quelle non cinetiche, sviluppate direttamente a favore delle popolazioni locali per favorire sia il processo di reintegrazione degli insorgenti sia la crescita del consenso nei confronti delle Istituzioni.
 
Tale strategia di diversificazione «degli effetti» è stata elaborata dal Comando della Regione Ovest unitamente alle autorità della forze di sicurezza afgane, nell’ottica di sfruttare appieno sia la maggiore presenza e la mobilità sul territorio delle forze NATO sia i vantaggi derivanti da una assidua e mirata campagna informativa, tesa a rompere i legami di tenuta economici, etnici e ideologici del «network» criminale, frutto del sodalizio storico tra i gruppi insorgenti e le popolazioni.
In tale contesto, grazie all’interazione tra le istituzioni politiche locali e le componenti dello Staff di RC-West responsabili della comunicazione, dell’intelligence e della cooperazione civile e militare (CIMIC), è stato possibile, in pochi giorni, ascrivere al programma di reintegrazione numerosi insorgenti di diverse etnie e rango (circa 300 tra comandanti e combattenti affiliati) provenienti dai distretti settentrionali di QADIS e MORGHAB e da quelli centrali della Provincia di HERAT.
 
Al formale atto di rinuncia all'illegalità da parte degli «insurgents» e alla definitiva consegna delle armi in loro possesso, hanno presenziato, oltre ai rappresentanti di RC-West, un Rappresentante del Parlamento del Governo di Kabul, 2 Senatori, una delegazione del 207 Corpo d’Armata dell’Afghan National Army (ANA) e circa 600 cittadini afghani.
Trattasi del più importante risultato ad oggi mai registrato in RC-West in materia di reintegrazione, a testimonianza dell’efficacia delle operazioni di contrasto all’insorgenza sinora condotte dalla Brigata «Sassari» come anche di quelle a diretto supporto alla popolazione per migliorarne le quotidiane condizioni di vita nei settori chiave della sanità, della scolarizzazione e dello sviluppo economico.
 

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande