Home | Esteri | Afghanistan | Afghanistan. Il militare deceduto è un sergente del Genio in forza alla Garibaldi

Afghanistan. Il militare deceduto è un sergente del Genio in forza alla Garibaldi

Dei due feriti più gravi, una soldatessa siciliana è in prognosi riservata, l'altro è stabilizzato

Apprendiamo in questo momento che il militare deceduto nell’avamposto «ICA» del Gulistan è il Sergente Michele Silvestri, 33 anni, originario di Napoli, coniugato e appartenente al 21° Reggimento Genio Guastatori di Caserta.
Il 21° Guastatori sta alla Brigata Garibaldi (bersaglieri) come il 2° Genio Guastatori di stanza a Trento sta alla Brigata Julia (alpini).
 
Dei due feriti più gravi, la soldatessa siciliana Monica Graziana Contraffatto, 31enne di Gela, è in prognosi riservata. L'altro, Salvatore De Luca, di San Giovanni in Fiore (Cosenza) è stato stabilizzato. 
Nicola Storniolo, di Nicotera (Vibo Valentia) ha riportato solo ferite superficiali. 
 
Gli altri due hanno riportato ferite leggere, tanto che uno di loro è stato curato in loco. Gli altri invece sono stati trasportati all’ospedale da campo americano di Delaram nell’area di responsabilità del Regional Command South West a comando USA.
I familiari sono stati informati.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni