Home | Esteri | Afghanistan | L'addio dei commilitoni di Herat al caporale Tiziano Chierotti

L'addio dei commilitoni di Herat al caporale Tiziano Chierotti

Le lacrime e la commozione dei colleghi che salutano l’amico «che è andato avanti»

image

È decollato alle 19 locali il C130 dell’Aeronautica Militare che porterà in Italia il feretro del caporale degli Alpini Tiziano Chierotti, che ha perso la vita giovedì scorso a seguito delle ferite riportate in uno scontro a fuoco avvenuto a Bakwa.
Oggi pomeriggio a Herat è stata allestita la camera ardente per l’ultimo saluto da parte dei commilitoni del Regional Command West, il comando NATO per la regione ovest dell’Afghanistan a guida italiana.
 
Alla funzione religiosa, officiata dal cappellano militare della base, Don Fausto Corniani, hanno partecipato l’Ambasciatore d’Italia a Kabul, Luciano Pezzotti, il generale Dario Ranieri, comandante del Regional Command West e il Senior Civilian Representative a Herat, Andrea Romussi.
Il feretro è stato portato a spalle dai colleghi del 2° reggimento alpini di Cuneo, l’unità di Tiziano Chierotti che costituisce la Task Force South East di stanza a Bakwa, che ha già sofferto altri cinque lutti in Afghanistan.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni