Home | Esteri | Afghanistan | Passi avanti delle forze afghane addestrate dai nostri militari

Passi avanti delle forze afghane addestrate dai nostri militari

Le forze di sicurezza locali arrestano undici insorti nella provincia di Farah, con il sostegno dei militari italiani e delle forze speciali di ISAF

image

Le forze di sicurezza afghane hanno concluso con successo nei giorni scorsi tre operazioni, svolte con il sostegno dei militari italiani e delle forze speciali di ISAF in provincia di Farah, nel settore meridionale del Regional Command West comandato dal generale Dario Ranieri.
Nel corso dell’operazione «Separ», terminata ieri nel distretto di Bakwa, un’unità del 606° Corpo dell’esercito afghano ha tratto in arresto tre uomini sospettati di appartenere a una cellula di insorti coinvolta nel piazzamento di bombe rudimentali lungo le strade del distretto.
 
L’operazione – durata undici ore e svoltasi con il sostegno di circa 100 militari italiani – è stata pianificata e condotta dalle forze locali in partnership con gli alpini del 2° reggimento che costituiscono, insieme ad assetti del 32° genio e del 232° trasmissioni, la Task Force South-East comandata dal colonnello Cristiano Chiti.
Sempre ieri, nel distretto di Bakwa, un’operazione condotta da unità speciali afghane assistite da forze speciali di ISAF ha consentito di arrestare altri quattro individui indicati come facenti parte di un gruppo di insorti presenti nella zona.
L’attività ha portato anche al sequestro di 48 kg di oppio e di un ingente arsenale di armi e munizioni che sono state distrutte sul posto.
 
Nei giorni precedenti, l’operazione denominata «Kardak IV», guidata nel distretto di Bala Boluk dalle forze di sicurezza afghane, aveva portato all’arresto di quattro persone indiziate di aver partecipato ad attacchi contro le forze locali e internazionali, e al sequestro di un notevole quantitativo di armi, munizioni e oppio.
All’operazione, durata 48 ore, hanno preso parte 400 militari afghani appartenenti al 207° corpo dell’Esercito, al 606° della polizia e al Direttorato Nazionale per la Sicurezza, supportati da un plotone della 9ª compagnia bersaglieri su blindati Dardo e un plotone della 108ª compagnia alpini di stanza a Bala Boluk unitamente ad assetti speciali del genio, tutti inquadrati nella Task Force South su base 9° alpini, al comando del colonnello Riccardo Cristoni.
 
Nel corso dell’ultimo mese, anche grazie all’attività congiunta delle forze afghane e italiane, nella provincia di Farah il trend degli attacchi per mezzo di IED (gli ordigni esplosivi improvvisati) risulta essere in diminuzione.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande