Home | Esteri | Afghanistan | L'Ammiraglio Luigi Binelli Mantelli saluta i militari italiani a Kabul

L'Ammiraglio Luigi Binelli Mantelli saluta i militari italiani a Kabul

Inizia la visita del Capo di Stato Maggiore della Difesa ai nostri militari impegnati nell’operazione ISAF

image

Si è svolta oggi a Kabul la visita del Capo di Stato Maggiore della Difesa, Ammiraglio Luigi Binelli Mantelli, ai militari italiani impegnati nell'operazione ISAF (International Security Assistance Force) con sede nella capitale afghana.
Accompagnato dal Comandante del Comando Operativo di Vertice Interforze (COI), Generale di Corpo d'Armata Marco Bertolini, l’Ammiraglio Binelli Mantelli è atterrato all’aeroporto internazionale di Kabul, dove è stato accolto dal Generale di Corpo d’Armata Giorgio Battisti, Capo di Stato Maggiore della missione ISAF e Italian Senior National Representative.
 
Dopo un incontro con il personale nazionale che opera nel comprensorio dell’aeroporto, a cui l’Ammiraglio ha indirizzato parole di elogio per l’alta qualità del lavoro che stanno svolgendo, la delegazione ha raggiunto il Quartier Generale dell’Alleanza Atlantica nella capitale afgana, dove è stata ricevuta dal Generale dei Marines Joseph Dunford, da poco nominato Comandante di ISAF.
Il colloquio si è svolto in un clima di grande cordialità e l’Ufficiale statunitense ha espresso grande soddisfazione per l’opera profusa e per i brillanti risultati ottenuti dalle Forze Armate italiane impegnate in ISAF.
 
Contributo che, ha sottolineato il Generale Dunford, per la quotidiana dedizione e l’elevata professionalità con cui è fornito, è presupposto indispensabile per il successo della missione di supporto al Governo afgano, con particolare riferimento alla delicatissima fase di Transition in corso.
A seguire, l’Ammiraglio Binelli Mantelli si è intrattenuto con i militari italiani in servizio al Comando ISAF.
«La mia visita odierna», ha detto l’Ammiraglio, «è un atto doveroso. In questo particolare e delicato momento, voglio testimoniare la vicinanza e l’apprezzamento da parte della Nazione e delle Forze Armate a voi tutti che offrite il vostro quotidiano contributo alla stabilità di questo angolo di mondo. Questa è senza dubbio una delle missioni più impegnative mai condotte dalle Forze Armate italiane e la serietà e la professionalità da voi profuse, peraltro riconosciute giorni orsono anche dal Segretario alla Difesa americano Leon Pannetta, sono di fondamentale importanza per l’immagine del nostro Paese nel mondo».
 
L’Ammiraglio Binelli si è poi recato presso il Ministero della Difesa afgano dove ha avuto uno scambio di idee con il Capo di Stato Maggiore della Difesa Afgano, Generale Sher Mohammed Karimi, sulla situazione operativa e su alcune iniziative di collaborazione militare a sostegno delle Forze Armate afgane, che stanno assumendo un ruolo sempre di maggior peso nel processo di stabilizzazione e transizione del Paese.
Prima di lasciare Kabul alla volta di Herat, sede del Comando NATO della Regione Ovest a guida italiana, l’Ammiraglio Binelli, ha incontrato l’Ambasciatore italiano in Afghanistan Luciano Pezzotti con cui si è intrattenuto sui rapporti diplomatici dell’Italia con la repubblica asiatica e sullo stato della cooperazione.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni