Home | Esteri | Afghanistan | L’Esercito Afghano aiutato nella lotta agli ordigni esplosivi

L’Esercito Afghano aiutato nella lotta agli ordigni esplosivi

La Task Force Genio italiana sta addestrando le forze locali prima del disimpegno

image

La Task Force Genio italiana di stanza a Herat ha recentemente validato i team del 207° Corpo dell’Esercito afghano specializzati nella neutralizzazione degli ordigni esplosivi rudimentali e dei residuati bellici.
I team appena validati in collaborazione con i Military Advisor Team italiani e una Task Force statunitense, sono denominati EOD (Explosive Ordnance Disposal) e verranno ora assegnati alle unità del genio locali che operano nella regione occidentale dell’Afghanistan, con il sostegno delle forze del Regional Command West, il comando su base brigata alpina Taurinense guidato dal generale Dario Ranieri.
 
L’addestramento dei team EOD afghani è cruciale in un Paese dove, secondo statistiche delle Nazioni Unite, nel 2012 si sono verificate 782 esplosioni di ordigni rudimentali che hanno provocato la morte di 868 persone e il ferimento di altre 1663, in massima parte civili.
Il trend risulta tuttavia in diminuzione del 12% rispetto all’anno prima, anche grazie al potenziamento delle capacità di contrasto alle trappole esplosive da parte dell’Esercito afghano - che nella regione occidentale ha neutralizzato oltre 600 ordigni negli ultimi dodici mesi - e alle campagne di informazione svolte dalle forze di sicurezza afghane con l’ausilio del 28° reggimento comunicazioni operative di Pesaro.
 
I team validati – costituiti da militari specializzati e dotati di equipaggiamento di ultima generazione – vanno ad aggiungersi ai sette già in attività nella regione e verranno presto raggiunti da ulteriori cinque team, per un totale di 19, destinati a operare in modo indipendente o con analoghi assetti italiani. Il percorso formativo degli operatori afghani prevede un primo periodo di addestramento alla Scuola del Genio di Mazar-e-Sharif al termine del quale gli allievi artificieri vengono assegnati ai diversi Corpi dell’Esercito afghano, per le fasi di pre-validazione e di validazione conclusiva.
 
A questa seconda fase partecipano i genieri del 32° Reggimento guastatori della Taurinense di stanza a Torino comandato dal colonnello Ovidio Esposito che, oltre a validare i team IEDD, nei mesi scorsi ha contribuito insieme al Military Advisor Team alla formazione di 80 istruttori  che a loro volta hanno tenuto corsi di base sugli ordigni esplosivi rudimentali in favore di oltre 400 colleghi, secondo il concetto «train the trainer». 
 

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni