Home | Esteri | Afghanistan | Fantastiche foto degli elicotteri italiani in servizio in Afghanistan

Fantastiche foto degli elicotteri italiani in servizio in Afghanistan

Sono state diffuse in occasione del cambio al vertice della «Task Force Fenice», l’unità dell’Aviazione dell’Esercito da cui dipendono gli elicotteri italiani Herat

image

Si è svolta oggi, presso la base Camp Arena di Herat, la cerimonia che ha visto il colonnello Salvatore Annigliato cedere al colonnello Luigi Adiletta il comando della Task Force Fenice, l’unità dell’Aviazione dell’Esercito da cui dipendono gli elicotteri in forza al Regional Command – West, il comando a guida italiana che opera nell’area occidentale dell’Afghanistan.
La Task Force Fenice, appositamente costituita per il Teatro Operativo afgano, è alimentata da personale del 1° Reggimento AVES «Antares» di Viterbo, del 5° Reggimento AVES «Rigel» di Casarsa della Delizia e del 7° Reggimento AVES «Vega» di Rimini.
 

 
Composta da un Task Group di Volo - denominato Aviation Battalion - da un Task Group di Sostegno Tecnico e da uno Squadrone di Supporto Logistico, la Task Force impiega elicotteri CH 47 Chinook, NH 90 e A129 Mangusta.
Con i primi due velivoli, nel teatro operativo afgano, l’unità svolge missioni di trasporto e sostegno logistico delle forze (combat support e combat service support ) e, attraverso l’impiego di un apposito team - composto da medici e infermieri provenienti dal policlinico militare del CELIO e da reparti AVES con specifiche abilitazioni - è anche in grado di effettuare missioni di evacuazione aerea d’urgenza dei feriti.
Gli elicotteri da combattimento A129 Mangusta, invece, forniscono il supporto aereo ravvicinato (close air support) di scorta per le truppe al suolo e per le forze speciali durante le missioni più rischiose e delicate.
 
Le suddette capacità, nonché la possibilità di elitrasportare una piattaforma di armamento e rifornimento mobile (Jump FARP - Forward Arming and Refuelling Point), conferiscono alla Task Force Fenice una elevatissima autonomia e flessibilità e ne fanno una componente indispensabile del contingente italiano in Afghanistan, tanto che, dallo scorso mese di settembre, sotto la guida del colonnello Annigliato, gli elicotteri dell’Esercito hanno effettuato oltre 1.700 missioni operative, per un totale di circa 2250 ore di volo.
Nel suo discorso di commiato, il colonnello Annigliato, comandante del 7° Reggimento Aviazione Esercito Vega, ha ringraziato i suoi uomini e le loro famiglie per i sacrifici sostenuti e ha dedicato i traguardi raggiunti dall’unità, dalla sua costituzione ad oggi, a tutti coloro che, per offrire un futuro migliore al popolo afgano, hanno dato la propria vita.
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande