Home | Esteri | Afghanistan | Afghanistan: i genieri di Trento hanno concluso l'addestramento

Afghanistan: i genieri di Trento hanno concluso l'addestramento

Concluso l'addestramento delle forze di sicurezza afghana nella lotta agli IED da parte dei nostri professionisti


 
Con la cerimonia di consegna degli attestati di promozione, si è conclusa oggi una settimana che ha visto i genieri italiani del 2° reggimento guastatori di Trento impegnati nella condotta di due diversi corsi finalizzati a migliorare la capacità delle Afghan National Security Forces (ANSF – forze di sicurezza afghane) nella lotta contro gli ordigni esplosivi improvvisati (IED).
Si tratta nello specifico del «Counter IED Awareness T3 course» e del «Site Exploitation course» destinati rispettivamente a 15 ufficiali e sottufficiali della sezione «Counter Narcotic» (anti droga) e al team IEDD (Improvised Explosive Device Disposal) del comando provinciale dell’Afghan Uniform Police.
 
I due corsi si sono articolati in due fasi: la prima, prettamente teorica, necessaria per «rinfrescare» le nozioni di base acquisite in precedenti attività di livello basico; la seconda, svolta presso l’«Indoor Counter – IED Training Building» della base di «Camp Arena» da poco inaugurato dal generale di divisione Antonio Li Gobbi, Comandante del Genio, ove i frequentatori hanno potuto mettere in atto tutte le nozioni precedentemente assimilate in uno scenario che riproduce fedelmente l’ambiente operativo afghano.
Entrambe le attività addestrative rientrano nel cosiddetto programma «train the trainers» (T3: addestrare gli addestratori) che ha lo scopo di contribuire allo sviluppo professionale necessario per garantire la completa autosufficienza delle ANSF.
 
Al termine della cosiddetta «graduation ceremony», presieduta dal generale di brigata Ignazio Gamba, comandante del Regional Command West (RC-W), il comando multinazionale a guida italiana (attualmente su base brigata alpina «Julia») che opera nella regione occidentale dell’Afghanistan, al personale frequentatore del corso «Site Exploitation», condotto dai genieri italiani con l’ausilio di uno specialista nei rilievi tecnici e nel repertamento appartenente all’arma dei carabinieri, sono state consegnate alcune fotocamere digitali e del materiale tecnico specialistico che serviranno agli operatori IEDD afghani a migliorare ulteriormente le proprie prestazioni nello specifico settore. 
 
Il personale del 2° reggimento guastatori di Trento, comandato dal colonnello Giovanni Fioretto, inquadrato nel comando di RC-W e nella «Task Force Genio», ha il compito di condurre attività di supporto a favore delle unità di manovra al fine di assicurarne la libertà di movimento lungo le rotabili dell’area di responsabilità assegnata, nonché di concorrere all’addestramento delle ANSF per incrementarne il livello di preparazione per la lotta agli IED.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande