Home | Esteri | Afghanistan | Attacco ai militari italiani in Afghanistan

Attacco ai militari italiani in Afghanistan

Un automezzo si schianta ad alta velocità contro un convoglio militare: nessun ferito

image

Questa mattina alle 10:10 locali (le 6:40 italiane), un grosso autoveicolo commerciale si avvicinava ad alta velocità a un convoglio italiano del 4° reggimento genio guastatori della Task Force Genio, mentre era intento a svolgere un’operazione di route clearance per il controllo di un tratto stradale a sud di Camp Arena, la base in cui ha sede il comando multinazionale della Nato nell’ovest dell’Afghanistan.
I militari italiani del convoglio hanno posto in atto tutte le procedure previste dalle regole di ingaggio per la protezione del personale e dei mezzi previste in tali situazioni, sparando alcuni colpi di avvertimento.
 
Successivamente il mezzo civile perdeva il controllo finendo fuori strada e ribaltandosi.
Il conducente è stato prontamente soccorso dal personale sanitario militare presente e trasportato all’Ospedale Militare (Role 2) di Camp Arena ad Herat, per le cure del caso.
Nessun militare italiano è rimasto ferito e l’evento è al vaglio della polizia militare per stabilirne le dinamiche.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni