Home | Esteri | Afghanistan | Inaugurata una nuova scuola nella provincia di Herat

Inaugurata una nuova scuola nella provincia di Herat

La scuola, del valore di oltre 145 mila euro, è stata realizzata grazie ai fondi messi a disposizione dal Ministero della Difesa

image

Una nuova scuola è stata inaugurata oggi in Afghanistan dai militari italiani del Regional Command West, il comando ISAF a guida italiana su base Brigata «Sassari».
La struttura, del valore di oltre 145 mila euro realizzata grazie ai fondi messi a disposizione dal Ministero della Difesa, sorge ad Abu Walid, un villaggio della periferia di Herat.
La scuola, 16 classi distribuite su due piani, è dotata di tutti i servizi essenziali e consentirà a centinaia di studenti di ogni genere ed età di essere finalmente ospitati in aule moderne ed accoglienti, laddove prima erano costretti a frequentare le lezioni in tende fatiscenti ed in strutture pericolanti.
 
Alla cerimonia di inaugurazione erano presenti il comandante del Regional Command West, generale Manlio Scopigno, il governatore della provincia di Herat Sayed Fazullah Wahidi, il capo dipartimento dell’educazione Basir Ahmad Arwin Taher e numerosi rappresentanti del consiglio provinciale.
Nel rivolgersi ai tantissimi giovani studenti presenti per l’occasione, il generale Scopigno ha ricordato che «questa struttura si va ad aggiungere alle altre settanta scuole costruite nella provincia di Herat grazie al contributo del contingente italiano di ISAF».
 
«Un contributo serio e concreto – ha proseguito il generale – portato avanti nei nove anni di presenza a Herat del Provincial Reconstruction Team (la componente militare del contingente italiano dedicata allo sviluppo e alla ricostruzione) che ha sempre operato con grande determinazione a beneficio di un settore, quale quello scolastico e dell’educazione, di fondamentale importanza per il futuro ed il progresso del Paese.»
L’edificio scolastico, costruito in soli sei mesi dalla stesura del progetto preliminare alla consegna finale dei lavori, è stato realizzato in stretto coordinamento con le autorità locali facendo ricorso a manodopera del posto, con positive ricadute economiche sul territorio. 
 

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni