Home | Esteri | Afghanistan | Herat: missione compiuta anche per il Reggimento «Sassari»

Herat: missione compiuta anche per il Reggimento «Sassari»

I ragazzi tornano a casa e al loro posto vanno i bersaglieri della Brigata Garibaldi

image

>
Passaggio di consegne stamane a Herat tra il colonnello Nicola Piccolo, comandante della Transition Support Unit Centre - su base 152° reggimento fanteria Sassari - e il parigrado Giancarlo Sciascia, comandante della nascente unità denominata Train Advise Assist Task Force, su base 1° reggimento bersaglieri della brigata Garibaldi.
Alla cerimonia di avvicendamento, svoltasi al cospetto delle pluridecorate Bandiere di Guerra delle due unità, è intervenuto il generale Manlio Scopigno, comandante del contingente italiano in Afghanistan, il quale ha sottolineato l’essenziale ruolo di assistenza nell’addestramento delle forze di sicurezza afghane svolto dai militari della Transition Support Unit Centre.
 

 
«Un ruolo centrale – ha affermato il generale Scopigno – finalizzato all’accrescimento dell’autonoma capacità di controllo del territorio da parte dell’esercito e della polizia locale che bene stanno operando nell’area con efficaci azioni di prevenzione e di contrasto all’insorgenza ancora presente in alcune aree della regione.»


 
In tale quadro operativo, la Transition Support Unit Centre, unitamente ai dipendenti assetti del Military e del Police Advisory Team (le unità del contingente italiano incaricate della formazione dei quadri dell’esercito e della polizia locale) e dell’Operations Coordination Center Regional (l’unità di consulenti militari italiani che opera nel centro di coordinamento operativo regionale di Herat), ha supportato le forze di sicurezza afghane nell’attuazione del piano di sicurezza per il regolare svolgimento del processo elettorale.
Numerose sono state le attività svolte dalla Transition Support Unit Centre, unitamente ad assetti della Task Force Genio, nell’azione di contrasto della minaccia degli ordigni esplosivi improvvisati per garantire la libertà di movimento lungo i principali assi stradali. 
 
La Transition Support Unit Centre ha anche allestito un posto comando tattico avanzato presso la base aerea di Shindand con compiti di supporto diretto alle operazioni condotte dalle forze di sicurezza afghane contro alcune sacche di resistenza dell’insorgenza talebana presenti nell’area.
Durante il proprio mandato, l’unità ha effettuato 277 attività operative e percorso 11.556 chilometri a bordo dei veicoli tattici Lince.
Nei ranghi della Transition Support Unit Centre, oltre a personale del 152° reggimento fanteria Sassari, hanno operato assetti del 3° reggimento bersaglieri, del 66° reggimento aeromobile Trieste ed equipaggi Freccia del 9° reggimento fanteria Bari.
 

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni