Home | Esteri | Afghanistan | Attentato a Kabul, perde la vita un soldato turco

Attentato a Kabul, perde la vita un soldato turco

L’attentato è avvenuto nel cuore diplomatico della capitale, a dimostrazione che il ritiro della NATO non sarà indolore per la legalità

image

>
Giovedì scorso, nel quartiere diplomatico di Kabul, un convoglio dell’ambasciata turca incaricato di proteggere l’Ambasciatore Ismail Aramaz, Alto Rappresentante Civile della NATO in Afghanistan, è stato coinvolto in un attentato suicida, rivendicato dai talebani, durante il quale sono rimasti uccisi un militare turco e un passante afghano.
Nonostante l’attacco fosse frutto di un errore da parte dell’attentatore (che avrebbe scambiato il personale di sicurezza turco per un convoglio delle Forze Armate statunitensi) l’episodio ha messo in luce la capacità della militanza di colpire una zona centrale e sensibile della capitale, quale il quartiere diplomatico.
Con il passaggio dalla missione NATO ISAF a Resolute Support e con il conseguente ridispiegamento delle truppe internazionali nel corso dello scorso anno, l’attività della militanza a Kabul si è ulteriormente intensificata, mettendo in discussione l’autonomia delle autorità afghane nel controllo del territorio.
 
Di fronte al rafforzamento dell’attività e dell’efficacia dell’azione talebana, l’evidente degenerazione dello stato di sicurezza interno aveva già spinto, nei mesi passati, il Presidente afghano, Ashraf Ghani, a chiedere agli Stati Uniti di prolungare la presenza delle proprie Forze Armate nel Paese.
Benché, fino ad ora l’Amministrazione Obama abbia sempre prospettato il 2016 come anno per un completo ritiro dei propri contingenti, i dubbi sull’effettiva capacità delle Afghan National Security Forces (ANSF) nel rispondere alla minaccia dell’insorgenza potrebbe ora spingere Washington a prorogare di almeno due anni il ritiro delle 10.800 unità ancora impegnate sul territorio.
Una conferma in questa direzione sembrerebbe giungere dallo stesso Segretario alla Difesa americano Ashton Carter, il quale, recatosi in visita a Kabul lo scorso 21 febbraio, avrebbe dichiarato la disponibilità della Casa Bianca di riesaminare i propri piani di ripiegamento per continuare a garantire il proprio supporto per la sicurezza del Paese.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni