Home | Esteri | Afghanistan | Militari italiani in supporto all’Esercito afgano

Militari italiani in supporto all’Esercito afgano

Un team di istruttori italiani, con il supporto dell’aviazione dell’Esercito Italiano, ha svolto attività di consulenza «a domicilio» a favore dei militari afgani

image

>
«L’attività degli istruttori italiani oltre ad un contributo concreto nella fase di pianificazione delle operazioni, sta mostrando i propri effetti sul campo, con i successi ottenuti dall’ Esercito nazionale che hanno portato alla disarticolazione di alcune cellule terroristiche ed alla dislocazione di nuove basi avanzate, utili per un maggiore controllo del territorio.»
Con queste parole, il comandante del 207° Corpo d’armata afgano ha commentato l’attività di consulenza a favore dei reparti dell’Esercito Nazionale Afgano, effettuata da una squadra di istruttori militari italiani nel distretto di Kushk-e Kohna, a circa 80 km a nord di Herat.
 

 
L’attività si è conclusa venerdì 12 ed aveva lo scopo di fornire supporto ai militari afgani nella pianificazione e nel comando e controllo di una delicata operazione di contrasto ad una cellula terroristica.
Periodic Train Advise Assist (PTAA), è l’acronimo utilizzato per indicare le attività di addestramento ed assistenza alle forze di sicurezza, eseguite «a domicilio» in aree distanti dalla base di Camp Arena - sede del contingente nazionale – che non possono essere svolte con cadenza giornaliera e quindi vengono organizzate, periodicamente, sulla base delle richieste che le forze di Sicurezza afgane rivolgono agli istruttori italiani.
 

I capi villaggio rappresentano la solidarietà del popolo all'iniziativa.
 
Tali richieste di consulenza, che escludono l’impiego dei militari italiani in attività cinetiche, coincidono con le fasi di pianificazione e di condotta delle attività operative contro l’insorgenza locale.
La presenza di una rappresentanza dei capi villaggio del distretto durante la PTAA ha, inoltre, confermato l’approvazione ed il senso di gratitudine della popolazione per il lavoro che le forze di sicurezza afgane stanno svolgendo per contrastare l’insorgenza e garantire un futuro prospero all’intero Paese.
Il lavoro degli advisor italiani – che comprende anche le attività di PTAA – si sviluppa nell’ambito della missione di Resolute Support (RS) con il compito principale di addestrare, consigliare ed assistere l’Esercito e la Polizia che, sebbene abbiano assunto la responsabilità per la sicurezza del proprio Paese, necessitano di continuare a fruire di quelle attività di consulenza ed assistenza attraverso le quali  possano progredire e divenire sempre più autonome ed efficaci per la funzione che ricoprono.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni