Home | Esteri | Euregio | Uno studio evidenzia le opportunità di sviluppo dell'Euregio

Uno studio evidenzia le opportunità di sviluppo dell'Euregio

Presentati oggi i risultati a Bolzano o studio scientifico che è stato realizzato nell'ambito del progetto Interreg «Fit for Cooperation - Fit4Co»

Protezione civile, cultura, istruzione, ma anche tutela della natura e del paesaggio, urbanistica ed edilizia, caccia e pesca, turismo e sport, lavoro e welfare sono alcuni dei settori specifici in cui il Tirolo, l’Alto Adige ed il Trentino dispongono di competenze parallele che rendono possibile una cooperazione ancora più intensa nell'ambito dell'Euregio.
A queste conclusioni è giunto uno studio scientifico che è stato realizzato nell'ambito del progetto Interreg «Fit for Cooperation - Fit4Co» sotto la direzione scientifica dei docenti dell’Università di Innsbruck Peter Bußjäger, Esther Happacher e Walter Obwexer.
Lo studio è stato presentato oggi a Palazzo Widmann alla presenza del presidente della Provincia autonoma di Bolzano, Arno Kompatscher.
 
Il presidente Kompatscher ha descritto lo studio sulle competenze dei tre territori dell'Euregio come un «progetto importante con un approccio europeo».
Riferendosi alla riforma dell'Euregio dello scorso anno, Kompatscher ha affermato che «il monitoraggio sulle competenze dell’Euregio viene pubblicato in un momento in cui abbiamo rinnovato l'Euregio ed ampliato la partecipazione democratica in uno spirito di sussidiarietà».
Per l'Alto Adige e il Trentino, invece, arriva anche in un momento in cui l'Autonomia risente di tendenze centralistiche.
«È importante consolidare l’Autonomia – ha sottolineato Kompatscher, – anche al fine di utilizzare appieno lo spazio d’azione a livello euroregionale.»
 
Il preside della Facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Innsbruck, Walter Obwexer, ha riferito come è nato lo studio.
L'Euregio-Lab 2020 di Alpbach, in relazione al decimo anniversario della fondazione dell'Euregio, che si è celebrato nel 2021, ha proposto, tra l'altro, un ampliamento dei compiti e dei progetti dell'Euregio ed a tale scopo ha suggerito l’effettuazione di uno studio scientifico per identificare le interfacce esistenti tra i tre territori nel campo delle competenze.

Questo «Monitoraggio delle competenze dell’Euregio» è ora disponibile e mette in evidenza che l'istituzione europea del GECT «Euregio Tirolo-Alto Adige-Trentino» offre, grazie alla nuova base giuridica, anche un numero relativamente elevato di aree e forme di cooperazione. Il monitoraggio delle competenze verrà costantemente aggiornato ed adeguato.
«Da questo studio la politica potrà dedurre una serie di opportunità nel campo della cooperazione tra i tre territori» – ha affermato Obwexer.
 
Secondo il professor Peter Bußjäger, dell'Università di Innsbruck e direttore dell'Istituto per il federalismo, che ha presentato oggi in dettaglio il contenuto dello studio in Europa non vi è un’altra area in cui vi sia una cooperazione più intensa che nell'Euregio.
Il Monitoraggio delle competenze dell’Euregio, di 170 pagine, è strutturato per aree tematiche e individua numerose interfacce.
Oltre a quelle sopra menzionate, esistono importanti competenze parallele nei settori dell'organizzazione a livello provinciale e della democrazia partecipativa, dei sussidi per la casa, dell'industria e dell'energia.
 
Lo studio presentato oggi comprende anche una seconda parte, in cui vengono esaminate e confrontate le competenze di un secondo Euregio, ovvero l'«Euregio senza frontiere», alla quale si sono unite nel 2021 la Carinzia, la Regione autonoma del Friuli- Venezia Giulia e la Regione Veneto.
Come ha spiegato oggi il professor Jens Woelk, dell'Università di Trento, questa Euregio deve affrontare difficoltà simili: il centralismo dello Stato e la Corte costituzionale italiana rendono difficile l'azione autonoma.
L'Euregio senza frontiere può imparare dalle esperienze dell'Euregio Tirolo-Alto Adige-Trentino.
 
«Consideriamo questo studio scientifico sulle competenze legislative dei nostri territori come un importante spunto di riflessione per ampliare ulteriormente la cooperazione a beneficio dei nostri cittadini», – ha affermato al termine della presentazione odierna Marilena Defrancesco, segretaria generale dell'Euregio.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande