Home | Esteri | Europa | Recovery fund, Dorfmann: «Spazio alle Regioni»

Recovery fund, Dorfmann: «Spazio alle Regioni»

Martedì il Parlamento europeo ha approvato dopo mesi di negoziati il più grande piano di aiuti nella storia dell’Unione europea

image

>
Martedì il Parlamento europeo ha approvato dopo mesi di negoziati il più grande piano di aiuti nella storia dell’Unione europea.
«Le Regioni giocheranno un ruolo importante nell’attuazione del Recovery plan», afferma l’europarlamentare sudtirolese Herbert Dorfmann, che ha sostenuto una formulazione «che desse più peso alle Regioni» nella risoluzione del Parlamento.
Entro aprile, i piani nazionali di ripresa dovranno arrivare a Bruxelles. L’obiettivo è rilanciare l’economia europea rendendola più verde e digitale.
Il risultato del voto di ieri è stato reso noto questa mattina presto. La larga maggioranza dei deputati ha votato a favore di questo piano miliardario per il sostegno dell’economia europea.
 
Centrale sarà il dispositivo per la ripresa e la resilienza, che distribuirà 672,5 miliardi di euro. Di questi 312,5 saranno concessi a fondo perduto e 360 come crediti, che dovranno finanziare riforme e investimenti negli stati membri.
L’Italia riceverà la maggior parte dei fondi. Si tratta di più di 200 miliardi di euro, di cui 65 a fondo perduto. Quattro quinti di queste risorse dovranno essere dedicati a piani legati alla transizione ecologica e digitale.
Entro fine aprile, i ventisette stati membri dovranno far pervenire a Bruxelles la lista dei progetti che desiderano finanziare al fine di uscire dalla più grave crisi economica dalla fondazione dell’Unione europea.
Le risorse cominceranno a essere distribuite solo una volta che la Commissione avrà approvato questi piani.
 
Il commissario europeo per l’economia, Paolo Gentiloni, ha detto che il 70 per cento delle risorse sarà dispiegato tra quest’anno e il 2022. Il restante 30 per cento nel 2023.
«Per garantire l’efficacia del nuovo meccanismo è importante che le Regioni siano coinvolte adeguatamente nel processo di presentazione e selezione dei progetti - sostiene Dorfmann - le risorse vanno dispiegate rapidamente, al fine di cominciare a gestire il prima possibile le conseguenze della crisi.»
Il Sudtirolo è pronto. La Provincia ha presentato al governo quarantasette progetti, per un totale di 2,4 miliardi di euro di investimenti.
Nei prossimi mesi vedremo se e in che misura questi progetti saranno finanziati con fondi europei.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni