Home | Esteri | Europa | Bisogna porre fine alle guerre in corso. A qualunque costo

Bisogna porre fine alle guerre in corso. A qualunque costo

Il mondo ha già enormi problemi naturali e noi ci comportiamo come i galletti dell’Azzeccagarbugli che si beccavano mentre stavano per andare in padella

Purtroppo, da tre anni in qua le cose al mondo peggiorano giorno per giorno.
Pare che il mondo intero abbia sete di sangue.
La Cina ha fatto una simulazione di attacco all’isola di Taiwan da lasciare il mondo col fiato sospeso. Il governo di Taipei ha ipotizzato una amara sorpresa per coloro che dovessero invadere la loro isola.
E ha chiamato a raccolta i vicini stati del Giappone della Corea del sud che, insieme agli USA, dovrebbero intervenire in caso di guerra.
Ciliegina sulla torta, il candidato alla Casa Bianca Donald Trump ha dichiarato pubblicamente che se fosse presidente avrebbe bombardato Pechino. Fantastico…!
 
In Medio Oriente Netanyahu ha perso il senso del limite e si sta isolando dal resto del mondo, perdendo quella benevolenza che gli era dovuta dopo l’Olocausto.
Non parliamo di Hamas, che è il terrorista più ricercato del mondo.
Ma parliamo di Erdogan, presidente della Turchia, che pur facendo parte della NATO sta invocando i Paesi arabi a coalizzarsi per distruggere Israele. E vorrebbe entrare nell’Unione Europea.
Alcuni paesi della UE hanno già riconosciuto la Palestina come stato sovrano. Penoso che lo abbiamo fatto da soli e con d’accordo con l’Europa.
E ci chiediamo quale sia lo stato palestinese che riconoscono… quello di Hamas? No, sono mosse che vanno fatte con i crismi del diritto internazionale.
 
E veniamo alla guerra Russo-ucraina. Molti paesi europei vogliono autorizzate Zelensky a usare le armi fornitegli dal mondo occidentale per attaccare la Russia nel suo territorio.
E qui è bene fare una precisazione. La difesa può essere passiva o attiva. Facciamo un esempio citando le guerre indiane. Se i bianchi che sono nel fortino attaccato dagli indiani respingono gli attacchi, stanno facendo difesa passiva. Ma se nella notte gli assediati escono per far scappare i cavalli degli indiani, hanno attivato quella che si chiama difesa attiva.
Trasportando il tutto in Ucraina, ci pare legittimo che gli assediati vogliano distruggere le basi di partenza dei missili e dei droni. Si tratterebbe esattamente di difesa attiva e non un atto di guerra.
Però portare i soldati europei sul territorio ucraino sarebbe esattamente un atto di guerra. E sarebbe guerra mondiale.

Ha fatto bene l’Italia a dichiararsi fuori e farebbe bene prendere le distanze da coloro che vogliono farlo.
Comprendiamo i timori dei paesi estoni e della Polonia che hanno la guerra alle porte di casa, ma si deve assolutamente invertire l’escalation. Si deve dire basta.
Se davvero il Mondo Occidentale intende intervenire, è necessairo smetterla di fare i bulli e incontrarsi una buona volta con Putin per studiare il giusto confine da porre tra i due paesi. L’Ucraina ci rimetterà la Crimea (che è sempre stata russa prima che Krusciov la regalasse all’Ucraina) e magari qualche pezzo di territorio.
Ma è il momento di dira basta. Basta. Il mondo ha già altri problemi ben più grossi.
Sembriamo i galletti dell’Azzeccagarbugli che si beccavano tra di loro mentre stavano per finire in padella.

GdM

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande