Home | Esteri | Europa | Fugatti e l'ammainabandiera dell'Unione Europea

Fugatti e l'ammainabandiera dell'Unione Europea

Non è stato un bel gesto perché un presidente della Provincia è sempre il Presidente anche fuori dal Palazzo. Ma è una tempesta in un bicchier d'acqua

Il presidente Fugatti ha condiviso su Facebook un filmato dove si vede ammainare e annodare con disprezzo la bandiera dell'Unione Europea.
Si tratta di un gesto polemico nei confronti dell’Europa, che Fugatti ha condiviso in questo momento in cui parte dell’Unione si sta dimostrando decisamente egoista o quantomeno poco sensibile al senso di «unione» perfino in un momento tragico come quello del Coronavirus.
I consiglieri dell’opposizione appartenenti al PATT hanno inviato un comunicato nel quale si dichiarano «basiti e rattristati per questo grave gesto.
«Auspicare che le istituzioni europee lavorino per il bene comune è un conto – si legge nella nota del PATT – offenderle un altro!
«Il gesto è di una gravità inaudita e va condannato con fermezza, – prosegue la nota. – Il Trentino è da sempre terra di autentico spirito europeo e, lo ricordiamo, fa parte dell’Euregio che è una Euroregione cioè istituzione dell’Europa.»
 
Noi siamo meno critici, tuttavia due osservazioni le vogliamo fare perché il presidente Fugatti, nel corso della Conferenza stampa giornaliera sul Coronavirus, ha criticato come inopportuna la polemica sollevata.
La prima cosa che vogliamo dire è che un presidente della provincia è sempre il Presidente anche quando non interpreta ruoli istituzionali. Non è un cittadino qualunque, mai. Neanche nel tempo libero.
La seconda entra nel merito. Noi da anni sosteniamo che questa non è l’Europa sognata da Degasperi, Schumann e Adenauer. Non è neanche l’Europa che noi abbiamo sognato quando abbiamo militato per costruirla a tutti i costi.
Ma è pur sempre l’Unione Europea, uno dei passi più importanti mai fatti dagli stati dell’Antico Continente.
Dobbiamo cambiarla, non cancellarla.
 
Quanto allo strappo istituzionale, il gesto di Fugatti scompare di fronte ad altri comportamenti ben più rilevanti.
Il più grave è quello fatto dai deputati britannici all’inaugurazione di questa legislatura europea. Mentre veniva intonato l’inno Nazionale europeo (l’Inno alla gioia scritto da Schiller per la Nona di Beethoven) i parlamentari d’Oltre Manica girarono la schiena alla bandiera.
Quello sì fu davvero un gesto inaudito, che però nessuno ha stigmatizzato, come se fosse stato logico che in fase di Brexit quegli eurodeputati si comportassero così.
Anzitutto, ci domandiamo, perché hanno candidato per il Parlamento europeo se lo disprezzavano?
Secondo, con quale coraggio si fa un gesto così offensivo nei confronti di un’istituzione di cui si fa parte e con la quale poco o tanto dovrà relazionarsi anche il Regno Unito una volta uscito?
Anche fatte le debite proporzioni, non c'è paragone con i due comportamenti.

GdM

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni