Home | Esteri | Europa | Crisi da Coronavirus, l’Europa c'è ma è ancora lontana

Crisi da Coronavirus, l’Europa c'è ma è ancora lontana

Qualche passo avanti è stato fatto verso il «Recovery Fund». Ma si parla di migliaia di miliardi

A Bruxelles si sta ancora parlando sugli interventi da adottare per superare la crisi generata dal Coronavirus.
Quello che si sa è che si parla di migliaia di miliardi. E forse per questo non sono ancora chiare le idee, come ad esempio se procedere verso l’indebitamento o al sostegno a fondo perduto.
Su proposta del premier Conte sta prendendo forma il «Recovery Fund». È uno strumento innovativo che, appunto, mette insieme le due voci, prestito e sostegno.
 
I leader europei sono ancora incerti, ma passi avanti sono stati fatti.
Purtroppo però pare che i tempi siano molto lunghi. Si parla di fine maggio. Ma perlomeno la scelta finale farà fare un passo avanti importante all’unione.
Domani comunque il premier Conte dovrebbe presiedere il Consiglio dei Ministri convocato per approvare il decreto che dovrebbe portare agli italiani, tra persone fisiche e giuridiche, un’ottantina di miliardi.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni