Home | Esteri | Europa | Dorfmann - De Castro: sforzi UE insufficienti per agricoltura

Dorfmann - De Castro: sforzi UE insufficienti per agricoltura

ComAGRI pronta a rigettare proposte Commissario Wojciechowski su ortofrutta e vino

«Sono insufficienti e necessitano di nuovi interventi finanziari e di gestione dei mercati, le misure adottate dalla Commissione europea per sostenere le aziende agricole fortemente penalizzate dalla crisi del Covid-19. In assenza di un significativo miglioramento del pacchetto di risposta alla crisi, la Commissione agricoltura dell’Europarlamento si vedrà costretta a rispedirlo al mittente.»
È questo, senza tante fioriture, il testo della lettera - annunciano Paolo De Castro e Herbert Dorfmann, coordinatori S&D e PPE della ComAgri - inviata al commissario all'agricoltura Januzs Wojciechowski.
 
«Pur apprezzando le nuove misure come un primo passo nella buona direzione - affermano gli eurodeputati - riteniamo che il pacchetto non sia all'altezza delle difficoltà dei settori del vino e dell'ortofrutta nel fornire loro i mezzi finanziari e la flessibilità necessaria per affrontare la crisi, recuperando la competitività dei produttori e la domanda dei consumatori europei. Inoltre - proseguono - deploriamo fortemente la decisione di escludere dall'ammasso privato il settore della carne di vitello e le carni ovino-caprine e carni suine già immagazzinate.»
«Tra le riserve espresse - precisano Dorfmann e De Castro - c'è la mancanza di risorse europee aggiuntive per finanziare le misure a sostegno del settore del vino: in alcune regioni a vocazione vitivinicola, infatti, i finanziamenti messi normalmente a disposizione dalla Pac sono stati quasi completamente utilizzati, con il rischio di dover rinunciare ad iniziative già pianificate per poter finanziare le misure di crisi. Senza contare che la flessibilità concessa agli Stati membri di impiegare fondi nazionali, rappresenta un chiaro rischio di disparità di trattamento tra operatori e distorsioni di mercato.»
 
Insomma, comparti produttivi essenziali necessitano «di finanziamenti supplementari adeguati, compreso un bilancio di risposta alle crisi per il 2021».
Sul fronte invece delle misure di gestione che non incidono necessariamente sul bilancio - precisano i deputati - «è essenziale per il settore ortofrutticolo aumentare il tasso di cofinanziamento, trasferire i fondi inutilizzati dal 2020 al 2021, ed estendere le spese ammissibili. Quanto al comparto vitivinicolo bisogna introdurre flessibilità normativa per le regole di etichettatura compresa l’indicazione dell’anno in etichetta, riduzione parziale delle rese tramite la vendemmia verde.»
«La lettera non vuole essere solo una messa in guardia - concludono Dorfmann e De Castro - ma un forte appello a collaborare e ad agire rapidamente per migliorare il pacchetto di misure di risposta alla crisi. Dobbiamo essere più ambiziosi per salvaguardare il futuro di settori produttivi strategici dal punto di vista economico, sociale e ambientale.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni