Home | Esteri | Europa | Bruxelles, Dorfmann-De Castro «sventano» tentativo dei Verdi

Bruxelles, Dorfmann-De Castro «sventano» tentativo dei Verdi

Disinnescato tentativo di livellare i pagamenti diretti Ue a danno dei produttori italiani

«Con il voto contrario dell’Assemblea del Parlamento europeo, abbiamo sventato il tentativo di alcuni deputati, guidati dal Gruppo dei Verdi, di stoppare l'avvio dei negoziati sul regolamento transitorio della Pac che proroga fino al 31 dicembre 2022 i finanziamenti attuali e rafforza gli strumenti per contrastare rischi aziendali e crisi di mercato, come quella generata dall'emergenza coronavirus.»
 
«In questo modo – annunciano oggi Paolo De Castro e Herbert Dorfmann, coordinatori S&D e PPE alla commissione agricoltura del Parlamento europeo – già la prossima settimana potranno partire i triloghi tra le istituzioni europee, sulla base del testo approvato all'unanimità dalla ComAGri, per un accordo definitivo entro la scadenza della presidenza di turno croata dell'Ue, il 30 giugno prossimo.»
 
«Se l'offensiva degli eurodeputati Verdi di richiedere un voto in plenaria fosse riuscita – spiegano gli eurodeputati – non solo rischiavamo di pregiudicare il lavoro fatto per mantenere gli attuali livelli di finanziamento all'agricoltura e evitare tagli inaccettabili, ma anche l'estensione della programmazione dei programmi per lo sviluppo rurale, delle misure pluriennali come per l'agricoltura biologica, della durata dei diritti d'impianto.»
 
«Ci rammarica il fatto – proseguono Dorfmann e De Castro – che il Gruppo dei Verdi era intenzionato a sottoporre all'Assemblea un emendamento per livellare i pagamenti diretti Ue agli agricoltori tra i vari Stati membri, la cosiddetta convergenza esterna su cui c'era già un voto contrario della ComAgri.
«Un intervento in questo senso avrebbe significato perdite di reddito rilevanti per gli agricoltori italiani e non solo, senza tener conto delle situazione socio-economiche molto diverse che sussistono tra i vari Stati membri: ad esempio, i costi di produzione e il differenziale tra reddito medio nazionale e reddito agricolo in Italia o in Francia sono certamente superiori a quelli dei Partner dell'Est Europa.»
 
«Con il voto di oggi – concludono Dorfmann e De Castro – abbiamo fatto un altro passo verso l’estensione della Pac attuale, garantendo certezza giuridica ai nostri agricoltori, in un momento tanto drammatico come quello attuale.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni