Home | Esteri | Kenia | La mia Africa/ 16 – Di Tiziana Tabarelli

La mia Africa/ 16 – Di Tiziana Tabarelli

La vita (e la morte) dei cercatori d’oro di Makalda

image

>
Makalda è un piccolo paese africano vivono le Suore di Maria Bambina. Loro si occupano di bimbi abbandonati nelle strade o nella foresta, bimbi appena nati che vengono lasciati perché non avrebbero un futuro.
Da li a pochi chilometri di distanza c’è un villaggio di baracche di fortuna costruito con fatica e stenti dove vivono i cercatori d’oro.
Sono persone che lasciano i loro villaggi e fanno tantissima strada per arrivare li perché hanno sentito dire che si trova qualche pepita d’oro. Portano con sé la famiglia e vanno alla ricerca di un po’ di fortuna rischiando anche la vita.
Infatti molti di loro non tornano indietro dalle buche profonde che scavano per cercare qualche piccola pepita.
La vita e il lavoro sono davvero faticose perché, come si vede dalle foto, vivono tutto il giorno in mezzo al fango e alla terra, che scavano con le mani fino a fare buchi profondi. Le donne mandano giù dei barattoli che gli uomini riempiono di fango. Li tirano su e con pazienza cercano nel fango se c’è qualcosa che possa aiutarli a sopravvivere.
Mi viene tristezza sia a raccontarlo e mi scende una lacrima rivedendo queste foto. E penso… che la vita vale proprio poco, se la si rischia per una manciata di terra.
Eppure, lo fanno per dar da mangiare un po’ di «ugali» (polenta bianca) e dare un po’ di latte ai loro figli.
I bimbi guardano i genitori con le mani nel fango e anche loro fanno la loro parte… Qui non si va a scuola, sono tutti analfabeti e provenienti anche dalle terre lontane come la Tanzania, Uganda, Ruanda Nigeria .
Ecco, questa è la vita dei cercatori d’oro…
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (1 inviato)

avatar
carmelo 31/03/2015
I poveri li avrete sempre con voi...poi gente che vive...nelle case del comune butta patate, mele, pane ...che sfamerebbero tutte queste persone...ecco lo spreco l'Insulto alla miseria di Ignoranti che hanno per modello L'Isola dei Famosi...abdicando in nome del Finto progresso a quella Civiltà contadina...dove si riciclava tutto, che non buttava neanche la merda.Carissimi...statevene pure nelle vostre case piene di cose inutili e con l'idea che siate Eterni...tanto la comare Secca è già lì pronta a farsi una Risata del vostro mefistofelico e democratico orgoglio.Che il Cielo abbia pietà di voi.Per Fortuna i Giusti sono ancora tra noi.E consolano come Possono le Lacrime amare di questa Infelicità...colma di una dignità che dovrebbe interrogare Tutti.
Thumbs Up Thumbs Down
2
totale: 1 | visualizzati: 1 - 1

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni