Home | Esteri | Kenia | Ma mia Africa/ 21 – Di Tiziana Tabarelli

Ma mia Africa/ 21 – Di Tiziana Tabarelli

Un attentato terroristico sventato in Kenya dalla solidarietà spontanea della gente

image

In alto, la vista che si gode dal torpedone - Il basso, gente che attende l'autobus.
 
Una ventina di giorni fa un autobus che collega le città del Kenya Occidentale con Nairobi ha passato un brutto momento.
Nei pressi di Mukamba, città che conta all’incirca 100mila abitanti come Trento, l’autobus di linea aveva imboccato la strada che attraversa la foresta.
D’un tratto degli individui armati fermano il torpedone. Si fanno aprire il portellone e entrano con i kalashnikov.
«Scendano tutti i cristiani! – Urla uno di loro. – Svelti!»
Il Kenya è un paese sostanzialmente cristiano e, anche se l’Islam sta prendendo piede con l’imposizione e le minacce, non supera l’11% della popolazione.
Comunque sia, la religione non ha mai turbato il quieto vivere della gente, anche perché le missioni hanno solo portato benessere e conforto. 
 
E difatti l’agguato dei fondamentalisti esaltati che volevano separare cristiani da musulmani per ucciderli ha scatenato la solidarietà dei passeggeri.
Immediatamente sono usciti dalle borse veli, sciarpe, coperture di vario genere, che sono state distribuite presso le donne che potevano sembrare cristiane.
Lì per lì i banditi non sapevano cosa fare. Non avevano il tempo di porre domande sul Corano o quanto servisse per distinguere fedeli da miscredenti.
Finché qualcuno dal fondo del pullman ha gridato «Attenti, arrivano i soldati!»
Le forze dell'ordine in Kenya non vanno tanto per il sottile con i terroristi e così i banditi hanno preferito darsela a gambe.
 
I giornali e le TV locali hanno dato la notizia, ma - come si sa - fa più rumore un albero che cade di una foresta che cresce, e la notizia è rimasta lì.
Questa storia l’ho raccontata proprio per diffonderla.
Qui in Kenya sta effettivamente crescendo il rischio di attentati di matrice islamica anche nei piccoli centri, ma la gente mantiene la propria solidarietà indipendentemente dalla religione.
Il senso sacro per la vita è un valore che le nostre missioni hanno diffuso tra la popolazione e il gesto di spontanea solidarietà avvenuto in quel pullman è un risultato che dovrebbe far meditare gli intolleranti e incoraggiare gli uomini di buona volontà.
 
Tiziana Tabarelli 

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (1 inviato)

avatar
luca 16/01/2016
bello e da riflettere grazie a te ...
Thumbs Up Thumbs Down
0
totale: 1 | visualizzati: 1 - 1

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni