Home | Esteri | Libano | Fermati gli incidenti lungo la Blue Line del Libano meridionale

Fermati gli incidenti lungo la Blue Line del Libano meridionale

In quel teatro sono impegnati i sodlati dell'ONU nella missione UNIFIL, la maggior parte dei quali sono italiani

image

Confine Libano-Israele: Sopra una pattuglia italiana, in basso un Blue Pillar - © L'Adigetto.it.

Noi siamo stati in missione giornalistica nel Libano meridionale, dove sono schierate le forze dell’UNIFIL, missione voluta dall’ONU che vede impegnato un alto numero di soldati italiani, tanto vero che il comandante è il generale italiano Luciano Portolano.
Come si può vedere leggendo gli articoli di allora (vedi), alcuni compiti affidati ai soldati di UNIFIL sono di imporre il cessate il fuoco e creare la «blue line», il confine definitivo che Libano e Israele si impegnano di riconoscere e rispettare.
L’altro ieri si sono susseguiti degli incidenti che ci hanno preoccupato non poco e abbiamo cercato di saperne di più, anche perché il lavoro fin qui svolto dai nostri soldati è stato decisamente esemplare.
Di seguito il servizio dedicato.

Intorno alle 11.30 di mercoledì 28, l'UNIFIL ha osservato sei razzi lanciati verso Israele dalla zona a nord del Wazzani Maysat nell'area UNIFIL delle operazioni.
L'IDF ha restituito il fuoco di artiglieria nella stessa area generale.
Durante il corso degli sviluppi, un peacekeeper UNIFIL schierato in una posizione dell'ONU nei pressi Ghajar riportato gravi lesioni che hanno causato la sua morte.
La causa precisa della morte è ancora indeterminata e resta oggetto di indagini.
UNIFIL capomissione e Comandante della Forza Maggiore Generale Luciano Portolano era in contatto immediato con le parti per contribuire a controllare la situazione e prevenire un'ulteriore escalation.
Ma intorno alle 1.30 cinque razzi sono stati sparati dalla zona generale di Kafer Shouba nei confronti di Israele. L'IDF ha sparato colpi di artiglieria verso la fonte del fuoco.
UNIFIL è stata informata dalla IDF che non sostenute perdite a seguito di fuoco dal lato libanese.
UNIFIL ha rafforzato ulteriormente la sua presenza sul terreno e intensificato le pattuglie in tutta l'area di operazioni in coordinamento con le forze armate libanesi.
In questo momento la situazione lungo la Blue Line (il confine costruito dall’ONU) è tranquilla.
Maggiore Generale Portolano ha condannato con forza questa grave violazione della risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite 1701.
Portolano mantiene continui contatti con le parti e ha esortato entrambe a esercitare la massima moderazione.
UNIFIL ha avviato un'indagine per accertare i fatti e le circostanze dell'incidente.
 

 
Oggi il generale Portolano ha incontrato a Beirut il presidente del Parlamento Nabih Berri (foto qui sopra) per discutere la situazione nella zona di UNIFIL dell'operazione alla luce dei recenti incidenti nel sud del Libano.
Il comandante della forza condiviso con il Presidente del Parlamento la sua seria preoccupazione per gli incidenti che hanno portato alla tragica morte di un peacekeeper dell'Unifil spagnola.
«Abbiamo avuto un incontro molto costruttivo – ha detto il Generale Portolano – in cui abbiamo discusso la tensione attuale presente nella zona di UNIFIL delle operazioni, dopo gli incidenti di mercoledì e la necessità di prevenire ulteriori tentativi di minare la pace e la sicurezza nel sud.
«Abbiamo anche discusso la via da seguire nel prevenire ogni ulteriore escalation nella zona di UNIFIL delle operazioni.»
«Ho ringraziato Speaker Berri per la sua forte e sincero sostegno, – ha aggiunto Portolano. – Apprezzo molto i suoi continui sforzi per aiutare il mantenimento della stabilità e l'influenza è stato esercitando nel calmare la situazione.
«Ho anche espresso il mio profondo apprezzamento per le condoglianze del parlante e parola gentile a proposito della tragica morte del caporale Lance Corporal Francisco Javier Soria Toledo del contingente spagnolo.»
UNIFIL rimane focalizzata sulla sua missione di adempiere al mandato ai sensi della risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite 1701, insieme alle forze armate libanesi.
Oltre ai suoi compiti, UNIFIL ha la sicurezza e il benessere della popolazione, che è una priorità assoluta. 
 

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni