Home | Esteri | Libano | L'attentato a Beirut che ha ucciso 41 persone innocenti

L'attentato a Beirut che ha ucciso 41 persone innocenti

È un attacco dello Stato Islamico in rappresaglia contro Hezbollah a causa del suo progressivo coinvolgimento nella crisi siriana

Ieri Beirut è stata scossa da un nuovo attentato che ha provocato la morte di 41 persone.
Due attentatori suicidi si sono fatti esplodere nei pressi del quartiere meridionale di Burj al-Barajneh, sobborgo a maggioranza sciita notoriamente controllato da Hezbollah.
La modalità dell’esecuzione, due esplosioni avvenute a breve distanza l’una dall’altra, ha fatto subito pensare a un attacco di matrice jihadista, ipotesi confermata dopo circa un’ora dalla rivendicazione diffusa sui social media da parte dello Stato Islamico.
Non è la prima volta che gruppi jihadisti colpiscono zone a prevalenza sciita, sia regioni che quartieri all’interno di città multiconfessionali.
In particolare, a partire dal 2014, questo genere di attacchi è aumentato in numero ed intensità.
 
L’attacco dello Stato Islamico rappresenta una rappresaglia contro Hezbollah a causa del suo progressivo coinvolgimento nella crisi siriana.
Infatti, se tra il 2011 e il 2012 Hezbollah si era limitato ad alcuni sconfinamenti in territorio siriano per compiere alcuni attacchi mirati contro alcuni gruppi jihadisti, tra cui al-Nusra, a partire dal 2013 le milizie sciite hanno modificato la propria strategia, aumentando la portata della loro azione.
Inoltre, a seguito dell’aumento del coinvolgimento russo nella crisi siriana, alcune milizie di Hezbollah si sono spinte addirittura sino ad Aleppo.
Tale impegno ha fatto si che le dinamiche della crisi siriana si siano ripercosse inevitabilmente sul già fragile equilibrio interno libanese, che tradizionalmente è caratterizzato da profonde faglie di contrapposizione su base etnico-confessionale.
In tal senso l’episodio conferma quanto la crisi siriana, al di là della sua dimensione interna, continui a avere delle forti ripercussioni sugli equilibri di tutti i Paesi della regione e, in particolare, sul Libano.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni