Home | Esteri | Libano | Libano: I «Caschi blu» italiani addestrano le forze armate libanesi

Libano: I «Caschi blu» italiani addestrano le forze armate libanesi

Una formazione molto delicata, in quanto si tratta di bonificare campi minati

image

Un campo minato a Shama – Foto l’Adigetto.it.
 
La notizia ci è particolarmente cara, perché qualche anno fa eravamo andati in Libano, proprio a Shama, dove tra le altre cose avevamo assistito al lavoro dei nostri genieri che bonificavano i campi minati posati dai soldati israeliani a protezione del proprio confine.
Con l’intervento dei Caschi Blu Italiani, incaricati a creare il «giusto confine», gli Israeliani hanno dato le mappe delle mine lasciando a noi l’ingrato compito.
Ora anche i soldati libanesi possono rischiare la vita come hanno fatto i nostri ragazzi fino ad oggi.
 

 
Si sono conclusi con la cerimonia di consegna degli attestati di frequenza una serie di corsi intitolati «UXO & Mine Awareness», importanti attività addestrative incentrate sul riconoscimento di ordigni inesplosi e mine terrestri che i militari del contingente italiano di UNIFIL hanno organizzato a favore di personale delle forze armate libanesi e di militari dei contingenti stranieri che operano nell’ambito del Sector West.
Durante le fasi teoriche dei corsi sono state trattate le tematiche relative alla sensibilizzazione sulle minacce esplosive caratteristiche del teatro libanese e sulla potenziale presenza di aggressivi chimici e dei pericoli da essa derivanti.
 

 
La fase pratica è stata invece caratterizzata da una serie di esercitazioni durante le quali i frequentatori si sono addestrati al riconoscimento degli ordigni esplosivi convenzionali e alle procedure sanitarie d’urgenza da adottare in caso di incidenti.
Grazie al personale specializzato EOD/IEDD e dal personale qualificato CBRN del contingente nazionale, le forze armate libanesi e il personale militare proveniente dai contingenti non nazionali operanti in ambito UNIFIL hanno incrementato in maniera significativa la preparazione sugli ordigni esplosivi convenzionali a tutto vantaggio dell’interoperabilità e del coordinamento tra le unità di differenti forze armate presenti nell’area di responsabilità del Sector West.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni