Home | Esteri | Viaggi | Come fare per ottenere un visto turistico per gli USA?

Come fare per ottenere un visto turistico per gli USA?

Alcuni suggerimenti per chi volesse organizzare una vacanza negli Stati Uniti inferiore ai 90 giorni

Per i cittadini italiani che desiderano organizzare una vacanza negli Stati Uniti inferiore ai 90 giorni, il visto turistico USA non è un vero e proprio visto, ma solo un’autorizzazione al viaggio turistica richiesta dal Governo americano e chiamata ESTA (Electronic System Travel Authorization).
L’ESTA fa parte del programma «Viaggio senza visto» - Visa Waiver Program - e si può richiedere online attraverso la compilazione di un modulo sui siti istituzionali del Governo o su siti di agenzie private che si occupano di gestire queste pratiche.

In genere, la domanda va inoltrata almeno 72 ore prima della partenza e necessita di approvazione prima di poter entrare negli Stati Uniti. Una volta ottenuta, l’Esta resta valida per due anni (o fino alla data di scadenza del passaporto) e consente ingressi multipli nel paese con soggiorni fino a novanta giorni per ogni ingresso.
Se invece il vostro soggiorno è superiore ai 90 giorni, diventa indispensabile munirsi di un vero visto, di cui ne esistono diverse tipologie in base alle proprie necessità.

Spesso si tratta di richiedere visti di categoria B2 che sono destinati a coloro che desiderano recarsi negli Stati Uniti per un periodo limitato a fini di turismo, visita a parenti o amici, e cure mediche. È necessario recarsi all’Ambasciata o al Consolato americano del proprio Paese per sostenere un colloquio ed ottenere questo tipo di visto B2 che in genere consente di restare in USA per almeno 6mesi.

Quali sono i requisiti richiesti dal governo americano per ottenere l’Esta? 

  • Lo scopo del viaggio deve essere turistico o per affari e la durata deve essere sempre sotto i 90 giorni.
  • La propria residenza deve essere al di fuori dagli Stati Uniti.

Oltre all’Esta quali sono i documenti necessari per entrare negli USA?

  • Esta
  • Passaporto elettronico in corso di validità (lo stesso necessario per richiedere l’Esta).

Quali sono, oltre all’Italia, le altre nazionalità che rientrano nel "Visa Waiver Program" e possono richiedere il visto elettronico (ESTA USA) per turismo?

Andorra, Australia, Austria, Belgio, Brunei, Cile, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Giappone, Grecia, Irlanda, Islanda, Italia, Lettonia, Liechtenstein, Lituania, Lussemburgo, Malta, Monaco, Nuova Zelanda, Norvegia, Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, San Marino, Singapore, Slovacchia, Slovenia, Sud Corea, Spagna, Svezia, Svizzera, Taiwan, Ungheria.

Nota bene: per richiedere l’ESTA non bisogna aver effettuato viaggi in Iran, Iraq, Sudan o Siria a partire dal 1° marzo 2011 (ad esclusione di motivi diplomatici e militari) o possedere una doppia cittadinanza di un paese del Visa Waiver Program e di Iran, Iraq, Siria o Sudan.

Infine, oltre all’Esta, quali sono le categorie di visto Usa più comuni?    

  • Visto d’affari o B1: meeting di affari o conferenze in America, per un periodo massimo di 6 mesi    
  • Visto turistico o B2: soggiorni superiori ai 90 giorni per un massimo di 6 mesi, come turisti o per cure mediche    
  • Visto per transito o C1: serve per attraversare gli USA verso un altro Paese.  
  • Visto per membri di equipaggio o D: per equipaggio aereo o navale   
  • Visto per commercio o investimento o E: attività commerciale o di investimento.    
  • Visto per studenti, F o M: frequenza corsi di studio; è necessario inoltre essere accettati dalla scuola o dall’Università in cui si frequenterà ed essere, di conseguenza, iscritti allo Students and Exchange Visitor Information System (SEVIS).    
  • Visto per giornalisti o I: per attività giornalistica o di supporto dei media.
  • Visto per scambi culturali o J: per programmi di scambio culturale.  
  • Visto per lavoratori temporanei o H, L, O, P, Q, R: per lavoro per un periodo di tempo limitato.

Visto per diplomatici, funzionari o militari o A, G, NATO: per chi deve assumere incarichi diplomatico-ufficiali di tipo governativo o militare.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone