Home | Esteri | Terrorismo internazionale | Espulso il marocchino che tentò di profanare una chiesa di Cles

Espulso il marocchino che tentò di profanare una chiesa di Cles

Lo ha detto il Ministro dell’Interno Alfano nel corso di un’audizione al Senato

Dobbiamo premettere che la notizia l’abbiamo sentita da un’emittente nazionale, che però abbiamo verificato.
Il Ministro Alfano, nel corso di un audizione parlamentare, ha annunciato che da gennaio a oggi sono stati espulsi «102 soggetti evidenziati come radicali a sostegni ideologico al jihad».
Quello che ha colpito è stato uno degli esempi citati dal ministro per spiegare la gravità dei fatti che hanno portato alle espulsioni.
Tra questi, il ministro ha citato il marocchino che era entrato in una chiesa di Cles, aveva preso un crocefisso e lo aveva scaraventato a terra, dileggiato un altare e danneggiando opere d’arte sacre, pronunciando parole legate all’Islam.
Allora erano intervenuti i carabinieri, che avevano provveduto a segnalare l’accaduto alle autorità competenti.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni