Home | Esteri | Terrorismo internazionale | Rotterdam, per fortuna non si trattava di terrorismo

Rotterdam, per fortuna non si trattava di terrorismo

Il furgoncino con le bombole di gas era di un normalissimo installatore

La polizia riferisce che non c’è nessun legame tra l’autista della camionetta spagnola che a Rotterdam trasportava due bombole di gas e il terrorismo.
L’uomo è un normalissimo installatore di bombole di gas, che ieri sera era ubriaco alla guida del suo veicolo e per questo si stava comportando in maniera «sospetta» nel quartiere dove doveva tenersi il concerto.
Insomma, si trattava di bombole di gas che maneggiava per lavoro.
Resta il fatto, o la combinazione singolare, per cui la polizia spagnola aveva segnalato a quella olandese la concreta possibilità di un attacco contro la band degli Allah-Las.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni