Home | Festival Economia | ITAS Mutua ottiene la certificazione «Top Employers» 2021

ITAS Mutua ottiene la certificazione «Top Employers» 2021

La Compagnia viene riconosciuta tra le eccellenze internazionali nella gestione delle risorse umane e dell’ambiente di lavoro

image

>
ITAS Mutua è stata certificata azienda «Top Employer» in Italia per l’anno 2021.
Il programma di certificazione, realizzato dal Top Employers Institute attraverso un’accurata analisi, permette di valutare le aziende coinvolte riconoscendo le eccellenze nella gestione delle risorse umane e del loro sviluppo, volto al benessere delle persone e al miglioramento dell’ambiente di lavoro in generale.
La Compagnia trentina ottiene la certificazione in occasione dei 200 anni dalla nascita.
Due secoli di storia che l’hanno vista protagonista, come Mutua, dello sviluppo economico, sociale e culturale dei territori nei quali opera.
Il percorso consente inoltre a ITAS di individuare le opportunità di miglioramento e crescita necessarie per mettere in atto delle azioni sempre più vicine alle best practice riconosciute a livello internazionale e conferma come le idee e i progetti sviluppati nell’ambito della gestione delle risorse umane, abbiano portato la Compagnia a costituirsi punto di riferimento al pari di importanti realtà nazionali ed internazionali.
 
«Raggiungere questo risultato proprio nell’anno del nostro bicentenario, rappresenta uno stimolo per valorizzare ancora di più il nostro spirito mutualistico – afferma Alessandro Molinari (foto), amministratore delegato e direttore generale ITAS – Consideriamo questa certificazione non un punto di arrivo, ma una fondamentale tappa di un percorso che vede il nostro Gruppo porre una particolare attenzione al benessere e allo sviluppo personale e professionale di tutti coloro che quotidianamente si impegnano per la nostra Compagnia.»
Anche Stefano Veronesi, direttore risorse umane ITAS, esprime piena soddisfazione per il risultato ottenuto: «Questa certificazione premia l’energia delle idee che fioriscono in un’azienda ambiziosa e la voglia di realizzarle. Sono convinto che le nostre intense attività di trasformazione e innovazione, non ultime quelle costruite attorno ai colleghi più giovani, abbiano sensibilmente contribuito al risultato. Con genuino orgoglio italiano inoltre, sapere che ITAS, nata 200 anni fa in un territorio alpino circoscritto, viene ora considerata come una realtà che offre al proprio personale le stesse possibilità di crescita e sviluppo che di norma appartengono ad aziende multinazionali, ci trasmette energia positiva e voglia di continuare ad insistere sulla nostra identità.»
 
Nato 30 anni fa, Top Employers Institute ha certificato negli anni aziende di 120 Paesi del mondo che hanno soddisfatto elevati standard nell’impegno e nella cura delle proprie persone. Il percorso di certificazione è molto complesso e si articola in diverse fasi.
Una survey preliminare molto approfondita affronta i temi chiave in ambito risorse umane: dalle politiche gestionali allo sviluppo del personale, dall’organizzazione alle attività di attrazione dei talenti, dal welfare alla formazione, dalla gestione del cambiamento alla leadership.
Al termine della fase di analisi, l’ente certificatore attribuisce un punteggio ad ogni singola attività dichiarata e il raggiungimento della soglia definita consente la certificazione.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni