Home | Festival Economia | 2007 | Incontri con l’ autore: dibattito sull’oro nero

Incontri con l’ autore: dibattito sull’oro nero

Un mito chiamato petrolio - Leonardo Maugeri presenta «L'era del petrolio»

«La produzione di petrolio è al suo picco, nel giro di pochi anni le riserve saranno esaurite». Così scriveva la CIA in un'informativa di 29 anni fa. E' da questa citazione che parte l'incontro, nella biblioteca comunale, con Leonardo Maugeri, direttore strategia e sviluppo dell'Eni, e autore del libro «L'era del petrolio, mitologia, storia e futuro della più controversa risorsa del mondo».

Anche oggi, secondo Maugeri, non è vero che siamo vicini all' esaurimento delle riserve di petrolio come affermano invece i «catastrofismi». L' autore spiega come il petrolio non si trovi, come molti pensano, in laghi sotterranei, ma nella porosità della roccia: è quindi molto difficile fare delle stime precise su quanto ancora ce ne sia. Per lo stesso motivo si riesce ad recuperare solo una parte a causa di problemi legati alla tecnologia attuale: oggi dai giacimenti esistenti si estrae solo il 35% del greggio disponibile.
Maugeri aggiunge poi che gran parte del mondo è ancora inesplorata dal punto di vista dei giacimenti: l' Arabia Saudita ad esempio, maggiore produttore mondiale di petrolio , è ancora relativamente vergine per quanto riguarda l' esplorazione petrolifera, «basti pensare che in Arabia Saudita sono stati fatti solamente 300 pozzi esplorativi contro il milione degli Stati Uniti».

L' autore sostiene che l' età del petrolio non finirà per mancanza di petrolio, ma perché si scoprirà qualcosa di più economico, esattamente come è successo per l' età del carbone: con la scoperta del petrolio infatti il consumo del carbone è decisamente diminuito e oggi si stima che ve ne sia ancora in abbondanza almeno per i prossimi 300 anni.

A coloro che sostengono che l' enorme crescita di domanda di petrolio da parte di Paesi con economie in forte sviluppo come la Cina possa portare ad un velocizzarsi del consumo delle scorte, Maugeri risponde che la Cina parte da un consumo talmente basso di petrolio da non destare preoccupazione. «Il vero "mostro energetico" continua ad essere l'America con un consumo pro capite di petrolio stimato in 26 barili all' anno. L' Italia, dal canto suo, ha un consumo pro capite di 10 barili all' anno, anche se tende ad imitare i consumi dei peggiori: basti guardare la diffusione che hanno avuto negli ultimi anni i SUV, pensati originariamente per il mercato statunitense».

Per quanto riguarda gli scenari politici, Maugeri sostiene che l' oscillamento dei prezzi e della produzione di petrolio non dipende da fattori geopolitici ma dall' andamento dell' economia. Secondo l' autore, cioè, i Paesi Arabi non vogliono mettere sotto scacco l'Occidente utilizzando la leva del petrolio. «L'idea di un ricatto petrolifero esiste in malafede in ambienti occidentali.»
Secondo Maugeri la crisi attuale è frutto del fatto che i prezzi sono stati troppo bassi negli anni '90, per cui «oggi stiamo pagando i bassi prezzi di ieri».
Entro la fine del 2010 vi sarà una nuova ondata di produzione per via degli investimenti che si stanno facendo, il che porterà ad un nuovo abbassamento dei prezzi: per il 2010 si prevede una produzione di 100 milioni di barili al giorno contro gli 86 di oggi, mentre la domanda, ad avviso di Maugeri, non crescerà così tanto.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni