Home | Festival Economia | 2007 | Provocazione in biblioteca: «Facciamo gestire il demanio alle coop»

Provocazione in biblioteca: «Facciamo gestire il demanio alle coop»

Sabelli: «La cooperativa non è di Prodi o di D'Alema, ma di tutti»

image

Il tema delle cooperative sociali dopo ed oltre lo scandalo Unipol è stato stamane al centro del dibattito svoltosi presso la Biblioteca Comunale, straordinariamente gremita nonostante la giornata festiva.
L'incontro ha visto la partecipazione di Giulio Sapelli, docente di economia all'università di Milano, Carlo Borzaga, docente di politica economica a Trento e Diego Schelfi, presidente della Cooperazione trentina.


Il moderatore Roberto Ippoliti ha saputo mantenere alta la tensione rivolgendo domande stringenti ai tre relatori, colte dall'ultimo libro di Sabelli dal titolo «Coop, il futuro dell'impresa cooperativa».
«Il testo, piccolo ma ostico, nasce - ha detto l'economista - come raccolta di saggi; la sua attualità risiede nello scandalo seguito alle presunte irregolarità nel tentativo di scalata . della Unipol a Bnl.»
«Le cooperative, presenti non solo in Italia ma in tutto il mondo, nascono - ha proseguito - come mutue associazioni in cui gli individui si associano per riuscire a raggiungere beni o lavori che da soli non riuscirebbero ad ottenere.»

Diego Schelfi ha posto l'accento sull'aspetto sociale assolto dalle cooperative, citando ad esempio quei 220 piccoli negozi di montagna che in Trentino diventano unico punto di aggregazione e di riferimento nelle impervie zone montane.
«Un dato di assoluta rilevanza, - ha detto - è che il 60 % del prodotto interno lordo del Trentino deriva dalle cooperative. Questo, - ha aggiunto - ci permette di dire che, data la particolare natura delle cooperative e del compito sociale che svolgono, sia giusto per esse mantenere una tassazione differente dalle società il cui unico scopo è il profitto.»

«Certamente, - ha confermato Carlo Borzaga - il sistema cooperativo oggi va aiutato a crescere puntando molto, ad esempio, sulla formazione dei dirigenti, che abbiano caratteristiche peculiari e non scimmiottate dalle aziende capitalistiche.»

Una interessante e provocatoria proposta in chiusura di dibattito è venuta da Sapelli. «Perché non provare a socializzare le risorse statali, ovvero sia far gestire i beni statali, il demanio pubblico alle cooperative, che saprebbero ben gestirle, producendo denaro in attività sociali?»
In chiusura, lo stesso Sapelli, con ironia, ha voluto dare un proprio giudizio sulle grandi fusioni bancarie dei nostri giorni. «Temo si trasformeranno - ha detto - in una iattura per le piccole imprese e le famiglie: in queste megastrutture non c'è infatti spazio per la solidarietà, ma solo per la competizione e la dittatura dei manager con stipendi troppo alti per farsi da parte. Personalmente, preferisco la polifonia di tante piccole banche a misura d'uomo che la monodia dei grandi gruppi.»

Morale? La coop è ancora una realtà piena di risorse, l'unica forma di associazionismo che permetta la perfetta cerniera tra capitale sociale e capitale umano coniugando mutualità e solidarietà.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni